Italia

Antonio Incandela presunto assassino di don Michele Di Stefano

carabinieriAntonio Incandela, dopo un interrogatorio durato tutta la notte ha confessato l’omicidio di don Michele Di Stefano.

Antonio Incandela, 33 anni disoccupato di Trapani, ha spiegato anche il movente: non sopportava le omelie del sacerdote. Al giovane sembrava che le omelie di don Michele, all’interno della comunità di Fulgatore, avrebbe abbondato in particolari sui ‘misfatti’  rendendo riconoscibili le identita’ delle persone a cui si riferiva, e dove i paesani avrebbero potuto riconoscere proprio lui, che aveva precedenti penali per un incendio. Cos’ la notte del 27 febbraio scorso ha ucciso nel sonno, a bastonate don Michele Di Stefano, ‘anziano sacerdote della frazione trapanese di Ummari.

Incandela è stato tradito dalla tessera bancomat che aveva sottratto al sacerdote dopo l’omicidio e che aveva utilizzato per prelevare danaro.

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close
Privacy Policy Cookie Policy