Società

In Calabria si fa cultura con il Premio Letterario Caccuri

In Calabria si fa cultura con il Premio Letterario Caccuri Il Premio Letterario Caccuri, contest di saggistica nazionale di primo piano nel panorama editoriale italiano, annuncia la seconda, ambiziosa edizione.

L’impegno del tutto volontario dei tre ideatori della manifestazione che ha come scenario Caccuri, il grazioso paesino della Sila crotonese, conta già sul successo della sua prima edizione. Questa, tenutasi il 9 e 10 agosto 2012, è stata vinta dal notissimo saggista Pino Aprile, con la sua opera “Terroni”, già adottata quale testo di storia italiana in diverse strutture accademiche anche negli USA. Il secondo posto è stato raggiunto dal Professor Piergiorgio Odifreddi, uno dei massimi matematici d’Europa, che insegna in Università italiane e statunitensi e che ha presentato a Caccuri il suo “Una via di fuga”. Infine, al terzo posto, si è piazzato il Giudice Piergiorgio Morosini (noto per aver comminato con determinazione il regime del carcere duro previsto dal art. 41 bis al boss Bernardo Provenzano), col suo libro “Attentato alla Giustizia”.


Durante la manifestazione sono intervenute personalità del mondo economico (il banchiere Alessandro Profumo e la top manager di Eni, Sabina Ratti), del mondo del cinema (Giovanna Taviani, figlia del celebre Vittorio e in partenza per la realizzazione del prossimo film in Argentina), dello spettacolo (Al Bano), della narrativa (lo scrittore calabrese Mimmo Gangemi, fresco vincitore del Premio Tropea ed il Premio Lucca) e lo storico Giordano Bruno Guerri), nonché il noto editore ed esponente di Confindustria Alessandro Laterza.
Tale successo ha indotto Adolfo Barone, Roberto de Candia e Olimpio Talarico (tre caccuresi d’origine che da lontano hanno tessuto i fili del successo di tale importante evento in Calabria) a presentare la seconda edizione che si terrà, sempre a Caccuri (nella provincia di Crotone) nell’imminente agosto. Anche per questa edizione sono previsti grandi nomi del panorama intellettuale. Roberto Napoletano (Direttore del prestigioso quotidiano “Il Sole 24 ore”) presenterà il suo “Promemoria italiano”, un affresco dell’Italia dal dopoguerra ad oggi in una tessitura fatta di economia, storia e musica. Luisella Costamagna, notissima giornalista televisiva di variegatissima esperienza, presenterà la sua opera “Noi che costruiamo gli uomini”, dedicato allo sforzo femminile di rimanere a galla in una società fatta da e per uomini. Ed infine Oliviero Beha (famoso giornalista di lungo corso sia della carta stampata che della tv) che porta a Caccuri il suo “Il culo e lo stivale: i peggiori anni della nostra vita”.


Sono previsti anche per questa seconda prestigiosa edizione Ospiti di richiamo internazionale che renderanno Caccuri e la Calabria in agosto un vero scrigno di preziosità culturali, orgoglio di un’Italia operosa, onesta e piena di spirito di abnegazione.


 

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close