Italia

Un bunker dei Casalesi a Villa Literno Due locali nascosti nel pavimento

carabinieri investigativaUn nascondiglio bunker della fazione Schiavone era una sorta di scatola cinese. Due piccoli vani, con il secondo nascosto all’interno del primo, accessibili mediante due congegni idraulici nel pavimento.

I Carabinieri del Nucleo operativo della Compagnia di Casal di Principe hanno scoperto un bunker, utilizzato da affiliati al clan dei Casalesi-fazione Schiavone.

Il nascondiglio, sequestrato a Villa Literno, nel Casertano, di proprietà di C. V., era costituito da due piccoli vani, con il secondo nascosto all’interno del primo, accessibili mediante due congegni idraulici occultati nel pavimento.  Grazie ad una botola occultata perfettamente nel pavimento di una stanza dell’abitazione, permetteva di accedere ad un primo locale di circa 8-10 mq. Le forze dell’ordine, continuando a perforare anche il pavimento del primo bunker, hanno individuato una seconda botola nascosta nel pavimento che, tramite lo stesso meccanismo idraulico, che conduceva a un secondo vano di circa 3 mq.

All’interno della stanza, che consentiva l’accesso al primo vano bunker, i militari hanno rinvenuto una paletta rifrangente, riproduzione di quelle in uso alle forze di polizia, e un monitor collegato a un impianto di videosorveglianza esterno all’abitazione.

La scoperta è avvenuta nell’ambito dell’attività di indagine, coordinata dalla Dda di Napoli, che fa portato a una serie di perquisizioni nell’agro aversano. Al proprietario dell’abitazione, 51enne,  con piccoli precedenti penali ma che, formalmente, risultava estraneo ai clan camorristici, è  stata notificata un’ordinanza di sequestro emessa dal gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere.

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close