Italia

Colpo alle famiglie mafiose di Bagheria Fermato sindaco di Alimena

carabinieriDuro colpo alla mafia di Bagheria con fermi di una trentina di persone eseguite, questa mattina all’alba, dai carabinieri del Comando provinciale di Palermo e del Ros .

I provvedimenti cautelari sono a vario titolo di associazione mafiosa, estorsione, rapine, detenzione di armi, scambio elettorale politico mafioso e traffico internazionale di droga. L’indagine ha disarticolato il mandamento di Bagheria. Colpite le famiglie mafiose di Bagheria, Villabate, Ficarazzi e Altavilla Milicia. Fermato anche Gino Di Salvo, considerato il nuovo reggente del mandamento di Bagheria e Salvatore Lauricella.

Tra gli indagati anche anche un candidato della Lega Nord alle ultime elezioni politiche. Si tratta del sindaco di Alimena, (Palermo), Giuseppe Scrivano, al quale e’ stata notificata poco fa un avviso di garanzia per voto di scambio. Dall’indagine, coordinata dalla Dda di Palermo, e’ emerso che alle ultime elezioni regionali, dell’ottobre scorso, Scrivano, che era candidato con la Lista Musumeci, avrebbe contattato persone ritenute vicine a Cosa nostra per avere voti. Il tutto, secondo gli inquirenti, in cambio di denaro. Le indagini confermano cosi’ la capacita’ di Cosa Nostra di condizionare le dinamiche politico-elettorali locali.

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close