Salute

Farmaci per la sclerosi multipla (SM): concentrarsi sul flusso sanguigno, non sul sistema immunitario

drugsdi Joan Beal – CCSVI in Multiple Sclerosis (USA)

Con la crescita della ricerca sul collegamento della SM con il flusso sanguigno cerebrale, abbiamo assistito ad un interesse ad esplorare nuovi modi di utilizzare i vecchi farmaci per affrontare l’ipoperfusione (flusso sanguigno rallentato), la disfunzione endoteliale (vasi sanguigni danneggiati) e ridurre l’atrofia cerebrale (perdita di tessuto cerebrale).

Perché tutto questo? Perché gli specialisti della SM, neurologi ed associazioni sono molto più a proprio agio nel progettare, collaudare e raccomandare un farmaco per la SM, invece che incoraggiare stili di vita sani e trattare le malformazioni venose. Non si può monetizzare o brevettare una dieta, l’esercizio fisico e l’angioplastica. Ma è possibile sviluppare un farmaco e fare un sacco di soldi vendendolo ad una popolazione con una malattia cronica e degenerativa.


Ecco un paio di esempi di questi farmaci. Nessuno di questi farmaci sviluppati per la SM prendono di mira il sistema immunitario. Vi prego di notare che non sto raccomandando a tutti questi specifici farmaci, sto solo sottolineando come la ricerca sulla SM si stia lentamente spostando. Lo abbiamo visto accadere con la vitamina D – dove in un primo momento, non vi era alcuna correlazione menzionata ed ai pazienti con SM non è stato detto nulla della vitamina D. Sei anni fa, il neurologo rise quando gli chiesi di testare i livelli di vitamina D3 di Jeff. Lentamente il paradigma di ricerca si è spostato. Credo che vedremo continuare questo cambiamento con approcci farmacologici per ridurre l’ipoperfusione.

Questa è la prova che il flusso sanguigno conta nella SM. Ma non lo sentirete dai neurologi. Essi discuteranno del flusso sanguigno con i loro pazienti quando hanno una prescrizione che possono scrivere. Ecco due recenti esempi:

+ + + + + + + + + + + + + + + + + + +

Lisinopril – un farmaco per la pressione sanguigna poco costoso e un ACE-inibitore che modula l’angiotensina. Questo farmaco apre i vasi sanguigni e permette al sangue di fluire più facilmente. Questo vecchio farmaco è stato sviluppato per il trattamento della SM dal Prof. Lawrence Steinman della Stanford University. (Il Prof. Steinman è anche l’inventore del Tysabri – del quale allora parlò contro come un trattamento di prima linea per la SM).


http://www.facebook.com/notes/ccsvi-in-multiple-sclerosis/tysabri-drug-creator-warned-of-fatal-flaw/10150921616067211

l’angiotensina provoca immediatamente la costrizione dei vasi sanguigni. “Che aumenta la pressione sanguigna in modo che quando ci si alza da una sedia, non si cade giù svenendo”, disse Steinman, che è anche professore alla George A. Zimmerman. Ma l’iperattività dell’angiotensina provoca ipertensione cronica. Il Lisinopril controlla la pressione sanguigna, bloccando un enzima che converte il precursore dell’angiotensina nell’ormone attivo. Il farmaco sembra avere anche determinate proprietà anti-infiammatorie.

http://med.stanford.edu/ism/2009/august/lisinopril.html

Ecco alcune informazioni su questo studio:

 In questi studi, il Lisinopril riduce le misure molecolari dell’infiammazione che accompagnano la SM, eppure non ha inibito la funzione immunitaria generale.

http://www.prnewswire.com/news-releases/transparency-life-sciences-obtains-exclusive-option-from-stanford-university-for-use-of-lisinopril-in-multiple-sclerosis-141406903.html

+ + + + + + + + + + + + + + + + + + + +


Statine – anche se questi farmaci che abbassano il colesterolo hanno fallito nel corso di studi precedenti per la SM-RR, vengono ora riportati in vita per affrontare l’atrofia cerebrale nella sclerosi multipla progressiva. Le statine abbassano la densità del sangue e lo rendono più diluito inibendo un enzima e bloccando la produzione di colesterolo. Ma ciò che i ricercatori non menzionano è che diluire il sangue e aumentare il flusso sanguigno al cervello con l’esercizio fisico, l’angioplastica e la nutrizione è la stessa cosa … senza prendere una pillola per il resto della vostra vita, o danneggiare il vostro fegato.

Fino a poco tempo fa neurologi non hanno discusso dell’atrofia cerebrale, ora stanno trovando farmaci per affrontarla. Notate che le statine non hanno cambiato le lesioni, le cellule T o le recidive. Hanno soltanto leggermente modificato l’atrofia cerebrale, molto probabilmente a causa di un migliore flusso sanguigno. Questa ricerca è stata appena presentata alla conferenza dell’AAN a San Diego lo scorso marzo.

I gruppi di simvastatina e placebo non hanno mostrato differenze nella percentuale delle ricadute, che in genere è bassa nei pazienti con SM-SP, ha detto il Dr. Chataway. Lesioni in T2, nuove o ingrandite, inoltre non hanno mostrato differenze tra i gruppi di trattamento e di placebo. Inoltre, le analisi immunologiche non hanno rivelato una differenza significativa.

http://www.docguide.com/simvastatin-reduces-brain-atrophy-secondary-progressive-multiple-sclerosis?tsid=5

L’esito primario a cui stiamo guardando è l’atrofia cerebrale. I nostri cervelli si restringono un pò con l’età. Ma nella SM-SP, il cervello si restringe un pò di più, circa lo 0,6% all’anno. Ciò può essere misurato con misure volumetriche avanzate di MR e misurato con molta precisione. Questa era la nostra misura principale – per vedere se era possibile ridurre il tasso di atrofia cerebrale. E in questo periodo di 2 anni, infatti, il farmaco è risultato essere superiore al placebo. Ha ridotto l’atrofia cerebrale approssimativamente da circa lo 0,6% a circa lo 0,3%. Più esattamente, del 43%.

Il consenso nella comunità della SM è che l’atrofia cerebrale correla con la disabilità. Se si può rallentare l’atrofia cerebrale nella fase progressiva, si dispone di un indicatore biologico, che alla fine dovrebbe avere un impatto clinico.

http://www.medscape.com/viewarticle/777273

+ + + + + + + + + + + + + + + + + + + + + + + + +

E alla fine— ecco un ricerca che studia entrambi questi farmaci – rilevando che migliorano la funzione endoteliale nella vasculite cronica.

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/20545993

+ + + + + + + + + + + + + + + + + + + + + + + + +

Cosa significa?

Significa che dobbiamo essere attivi e guardinghi e rimanere nella ricerca sulla SM.

Come il Dr. Terry Wahls, il Dr. Ashton Embry e il Dr. George Jelinek — molti di noi hanno letto la ricerca e si sono resi conto che l’aumento del flusso sanguigno cerebrale, il mantenimento della sostanza grigia e la riduzione dell’atrofia cerebrale sono di vitale importanza. Ecco perché Jeff ha cambiato la sua dieta e l’esercizio di routine come un mezzo per preservare il suo cervello. Il suo neurologo gli ha detto che la dieta e l’esercizio fisico non importavano, e che sarebbe stato meglio iniziare con il Tysabri. Ma leggiamo la ricerca. E grazie a questo, sei anni dopo la diagnosi di SM, non ha l’atrofia cerebrale e nessuna progressione della SM.


ecco come ha fatto

http://www.ccsvi.org/index.php/helping-myself/endothelial-health

Tutti i segnali puntano al fatto che è essenziale mantenere il flusso sanguigno cerebrale e mantenere la materia cerebrale ossigenata e perfusa. Non aspettate un altro decennio perché sia il neurologo a dirvelo.

Fatelo per voi stessi. Ora.

Joan Beal

Tag

Alessandro Rasman

Alessandro Rasman, 49 anni, triestino. Laureato in Scienze Politiche, indirizzo politico-economico presso l'Università di Trieste; è malato di sclerosi multipla, patologia gravemente invalidante, dal 2002. Per Mediterranews cura una speciale rubrica sulla sclerosi multipla.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close