EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Enel per la promozione della cultura in Italia

enel

enel

Nata nel 1997 con 13 soci fondatori, Federculture è oggi l’Associazione che rappresenta le più importanti aziende culturali del Paese.
Lunedì 1 luglio, a Roma, è in programma l’Assemblea Generale dell’Associazione durante la quale viene anche presentato il Rapporto 2013, curato dal Presidente di Federculture Roberto Grossi e intitolato “Una strategia per la cultura, una strategia per il Paese”.
Prevista, inoltre, anche la partecipazione del Ministro per i Beni e le Attività Culturali, Massimo Bray. Enel sponsorizza la manifestazione, a testimonianza dell’impegno dell’azienda a favore del mondo della cultura in tutte le sue forme.
L’Italia, con 3.609 musei, 5.000 siti culturali, 46.025 beni architettonici vincolati, 12.609 biblioteche, 34.000 luoghi di spettacolo e 47 siti Unesco rappresenta una realtà unica a livello mondiale.
Tuttavia, come sottolinea il Rapporto, siamo anche tra le nazioni che meno investono nella cultura, che potrebbe invece rappresentare uno straordinario volano capace di far ripartire la nostra economia favorendo l’uscita dalla crisi.
Ripartire dalla cultura, dunque, per restituire ai cittadini e alle imprese la speranza per il futuro e una qualità della vita migliore.
Questo il fulcro del messaggio contenuto nel volume, che si apre con gli interventi del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, del Presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini e di Roberto Grossi. Tra i tanti interventi all’interno della pubblicazione, anche quelli ministri Graziano Del Rio e Enrico Giovannini.
Non solo. Perché il Rapporto, delineando le scelte da intraprendere, pone anche l’attenzione sulle riforme che il nuovo Parlamento e il Governo saranno chiamati ad attuare.

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION