Italia

Truffa Inps e Inail Arresti e perquisizioni ad Agrigento e Raffadali

Truffa Inps e Inail Arresti e perquisizioni ad Agrigento e RaffadaliQuattro dei provvedimenti restrittivi sono agli arresti domiciliari. Tra i destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare ci sono anche due medici.

Avrebbero indotto Inps ed Inail ad erogare indennizzi per inesistenti infortuni sul lavoro ed indebite indennita’ di disoccupazione. A seguito delle indagini dell’operazione “Demetra” i carabinieri hanno eseguito stamani ad Agrigento sei arresti, quattro dei quali ai domiciliari, nell’ambito di un’inchiesta su una presunta associazione a delinquere finalizzata a truffe ai due enti. Gli arrestati devono rispondere di associazione per delinquere, truffa aggravata, falso.

Nei guai sono finiti anche dei responsabili di patronato di Porto Empedocle e Raffadali. All’alba sono scattate anche diverse perquisizioni in via Imera e al viale della Vittoria ad Agrigento e nel corso principale di Raffadali, in studi diagnostici e radiologici.

 I provvedimenti sono stati emessi dal gip di Agrigento, Ottavio Mosti, su richiesta dei pubblici ministeri Andrea Maggioni e Matteo Delpini.

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close