Italia

Opzioni binarie, la nuova moda degli italiani

Opzioni binarie, la nuova moda degli italianiIl nostro paese, lo sappiamo, difficilmente è ai primi posti nelle classifiche delle nazioni più innovative e raramente è fonte esso stesso dell’innovazione. Questo vale, purtroppo, anche nel mondo della finanza. Tuttavia possiamo segnalare almeno un’eccezione, un caso in cui l’Italia è ai primissimi posti per la diffusione di un’innovazione, le opzioni binarie.

Si tratta di un nuovo paradigma di trading, nato poco più di 2 anni fa negli Stati Uniti, che si è rapidamente diffuso in tutto il mondo. Nato come paradigma utilizzato dagli hedge fund più speculativi, per la sua incredibile semplicità è stato adottato da un gran numero di trader, molti dei quali assolutamente ignoranti delle dinamiche dei mercati finanziari.

In pratica con le opzioni binarie è possibile investire e guadagnare sugli scostamenti dei mercati senza avere una preparazione finanziaria specifica. I profitti di mercato, per anno appannaggio solo delle banche e degli hedge fund, sono diventati disponibili per tutti.

La cosa che ha sorpreso tutti è stato l’elevatissimo numero di trader italiani di opzioni binarie: come dicevamo in apertura il nostro paese non si segnala certo per velocità di innovazione e in questo caso c’è stata viceversa una diffusione velocissima.

Probabilmente questa diffusione è dovuta al fatto che non sono stati necessari grandi interventi da parte dello Stato. Grazie alla direttiva MIFID, infatti, le opzioni binarie sono state subito regolamentante, con una nota CONSOB di luglio 2012 che ha creato il quadro giuridico in cui i trader sono garantiti. Poi ad Aprile 2013 la CONSOB è intevenuta, in collaborazione con la Procura della Repubblica di Roma e le fiamme gialle, per ripulire il mercato da alcuni operatori poco seri. Adesso il mercato delle opzioni binarie è limpido, rispettoso delle leggi e questo spiega anche perché così tanti italiani lo stanno scegliendo. C’è anche da dire che i guadagni che si possono ottenere sono davvero elevati e questo, in tempo di crisi, è ancora più importante.

E’ importante precisare, per completezza di informazione, che non tutti i broker di opzioni binarie messi sotto sequestro ad Aprile 2013 erano fuori legge o mettevano in atto politiche finanziarie vietate. Alcuni erano semplicemente privi di autorizzazioni burocratiche ma dalle informazioni più recenti che siamo riusciti a ottenere, presto riavranno la possibilità di offrire il servizio agli utenti italiani perché è stata riconosciuta la loro innocenza e hanno ottenuto pieno riconoscimento da parte della CONSOB.

Apprezziamo, in ogni caso, che le Istituzioni siano tanto sollecite nel difendere i trader italiani e il loro denaro: in questo modo l’ambiente delle opzioni binarie è sicuro e garantito, per tutti, anche per chi non è propriamente uno squalo dei mercati.

Apprezziamo ancora di più la possibilità fornita a tutti, indipendentemente dal grado di istruzione e dal livello economico, di entrare nei mercati finanziari e guadagnare allo stesso modo dei trader professionisti.

Tag

Hamlet

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close