Italia

Porto di Brindisi Naufragio yacht Morto il comandante Alessandro Colangeli

Porto di brindisi Naufragio yacht Morto il comandante Alessandro ColangeliAlessandro Colangeli è morto durante il trasporto in ospedale. Il decesso sarebbe avvenuto per arresto cardiaco. Salvi gli altri due

Un naufragio è avvenuto all’alba di ieri, all’imboccatura del porto esterno di Brindisi.  Il cabinato “Sale e Pepe” è andato a sbattere contro il molo, poco prima delle 7. I tre diportisti che erano a bordo dello yacht si sono lanciati in mare, ma il comandante dell’imbarcazione, Alessandro Colangeli, di 59 anni, di Rieti, non ce l’ha fatta ed è morto durante il trasporto in ospedale. A provocare la morte forse è stato un arresto cardiaco. Salvi gli altri due diportisti: un imprenditore romeno di 36 anni, residente a Pescara, e un moldavo.

La causa del naufragio un’ avaria improvvisa a cui è seguito il vano tentativo di rimorchiare  “Sale e Pepe” lungo 24 metri fino al porto di Brindisi, con l’ausilio di un rimorchiatore oltre che di un peschereccio, ma le pessime condizioni del mare, con onde altissime e vento forte, hanno fatto sì che entrambe le cime a cui era assicurato si tranciassero e lo yacht si schiantasse contro i frangiflutti.

I tre costituivano l’equipaggio dello yacht, noleggiato da un magnate russo alla Major Yacht di San Marino, per una crociera di una settimana nel sud Italia.

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close