EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Roberto Vittorio Calabrese, collaboratore di giustizia. Tra minacce e pentimento?

imagesUn collaboratore di giustizia sui generis. Roberto Violetta Calabrese, 49 anni, nonostante fosse in regime di protezione avrebbe proseguito la sua attività criminale.

L’uomo aveva iniziato a collaborare la scorsa primavera con i magistrati della Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro nella scorsa primavera, ma aveva paura di  morire. Così nonostante essere stato ammesso al sistema di protezione usava, a quanto sembra, metodi mafiosi contro vecchi debitori.

L’uomo avrebbe inviato sms minacciosi a chi gli doveva soldi, uno dei più significativi  sembra essere stato  «Questa storia un giorno finirà e ci rivedremo » ed aveva persino citato dei documenti che avrebbero inserito la  vittima in un presunto giro di usura, ad un altro invece avrebbe detto che avrebbe svelato con chi era associato.

Calabrese operava nel settore edile ed è proprio questo uno dei più ambiti settori di infiltrazione del crimine organizzato, non solo Calabrese avrebbe pure contattato qualcuno per invitarlo a collaborare. Tutto questo però è stato costantemente monitorato dai magistrati antimafia.

A fine giugno Calabrese sarebbe stato convocato dai magistrati e sarebbe “crollato” consegnando schede e telefonini.

About the author

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com