EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Verona Presa la banda che terrorizzava la città Sei sinti in arresto

Verona Presa la banda che terrorizzava la città Sei sinti in arrestoLa banda dell'”Arancia meccanica” di Verona è stata annientata dalla polizia. Sei le persone, tra le quali un minorenne, coinvolte

La gang che  tra febbraio e marzo ha terrorizzato Verona con brutali pestaggi e violente aggressioni è stata sgominata dalla Polizia della città scaligera. In manette, con l’accusa di lesioni plurime aggravate e tentato omicidio, sono finiti sei sinti, residenti in un campo nomadi , tra cui un minore. Insieme costituivano la banda dell'”Arancia Meccanica”

Sei degli otto aggressori sono stati identificati dalle stesse vittime che li hanno riconosciuti nelle fotografie mostrate dalla polizia. Sei le vittime accertate della banda, tutte finite all’ospedale, tra cui una per lo sfondamento della scatola cranica con una mazza da golf.

Le aggressioni, avvenute di sera tra febbraio e marzo, hanno riguardato sia italiani che stranieri e in un primo momento non erano state messe in relazione fra di loro. E’ stato solo in un secondo momento che la polizia, ha collegato le brutali aggressioni che non hanno un particolare movente. Dalle indagini pare che le vittime non fossero scelte con particolare intenzione, ma a caso.

Questo è successo ad esempio all’atleta, uscito dalla palestra, che è stato picchiato selvaggiamente e che è riuscito a salvarsi dalla furia della gang solo scappando e a saltando un cancello.
Diversamente invece è stato per tre giovani che sono stati assaliti fuori da un bar. Tutti hanno ricevuto una scarica di bastonate, pugni, calci. Una mazza da golf branfdita dagli assalitori si è rotta per la violenza con cui è stata usata. Le vittime sone finite in ospedale, due hanno avuto una prognosi di 40 giorni, riservata per il terzo che è stato operato alla testa dove gli sono state messe delle placche per l’affondamento della scatola cranica facciale sinistra.

Così pure un altro veronese, fermo con la sua auto a un semaforo,  è stato affiancato da un altro veicolo da dove sono usciti in 4 che prima hanno frantumato  i vetri,  sfondato il lunotto con una chiave inglese che ha colpito la vittima che è stata, a quel punto, tirata fuori dalla macchina e picchiata.  Un immigrato, intervenuto per fermare il pestaggio, è stato lasciato esanime sull’asfalto da altre 4 persone che si sono uniti ai primi assalitori.

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com