Scienze e Tecnologia

10 Agosto Le stelle cadenti di San Lorenzo e il Triangolo estivo Vega, Altair, Deneb


cielo stellatoLa notte di San Lorenzo
è uno degli spettacoli più romantici dell’anno. Il 10 agosto è la notte dei desideri. In effetti, nelle notti tra l’11 e il 12  e tra il 12 e il 13 agosto, la Terra attraversa lo sciame meteorico delle Perseidi e l’atmosfera è attraversata da un numero di piccole meteore molto più alto del normale. Il fenomeno risulta particolarmente visibile alle nostre latitudini in quanto il cielo estivo è spesso sereno. Agli osservatori attenti ed in condizioni favorevoli, già dalla notte del 10 potrebbe capitare di vedere una stella cadente ogni minuto.

Cosa sono esattamente queste stelle cadenti, le così dette lacrime di san Lorenzo? Per gli astronomi sono rigorosamente lo“sciame delle Perseidi”, cioè le meteore che sembrano provenire dalla costellazione di Perseo. Si tratta di piccoli detriti che possono variare di dimensione  che una cometa, scoperta nell’800, si lascia dietro lungo la sua orbita attorno al Sole. Il punto da cui origina visivamente lo sciame, ha nome “radiante“. Quindi, quando l’orbita del nostro pianeta Terra, interseca, una volta l’anno, l’orbita di queste meteore possiamo assistere al così detto fenomeno delle stelle cadenti.  Nel veloce processo di disintegrazione, c’è un notevole rilascio di energia termica e luminosa: ed è proprio la scia luminosa che noi apprezziamo in tutta la sua bellezza. Qualche meteore non si disintegra completamente e cade sulla Terra.


Per orientarsi nel cielo estivo le stelle chiave sono quelle del triangolo d’Estate, costituito da Vega, Altair e Deneb.

Deneb è una stella super-gigante bianca, la stella alfa della costellazione del Cigno.

Vega,  si trova nella costellazione della Lira, è una stella molto calda e luminosa.

Altair è l’astro più luminoso della costellazione dell’ Aquila.

Verso Ovest vedremo tramontare Venere, l’astro più luminoso in questo periodo, seguita da Regolo, la stella alfa del Leone. Poco più in alto sull’orizzonte si riconoscono la stella Spica della Vergine con alla sua sinistra Saturno. Ancora più in alto la stella più luminosa, Arturo, della costellazione del Bootes. A Sud la stella più brillante è la rossa Antares, il cuore dello Scorpione. A Nord si riconoscono Grande e Piccolo Carro con la Stella Polare.

Quanto ai Pianeti visibili avremo Mercurio visibile all’alba prima del sorgere del Sole. Venere sarà osservabile nelle prime ore della sera  in direzione Ovest. Marte sarà osservabile poco prima dell’ alba nel cielo orientale. Giove, osservabile in piena nottata, sta in direzione Est/Sud-Est. Saturno sarà visibile in prima serata in direzione Sud-Ovest, prima di tramontare dopo le 22.

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close