Italia

Omicidio Vincenzo Sepe Gravissima la figlia Carolina

Carolina Sepe, 19 anni, la ragazza incinta ferita ieri sera a Lauro (Avellino) durante un litigio tra è “imminente pericolo di vita”, nell’ospedale Cardarelli di Napoli. Nella lite aveva perso la vita il padre  Vincenzo Sepe, 44 anni, e erano state ferite altre tre persone, tutti parenti di Sepe. Le condizioni della ragazza, raggiunta alla testa da un proiettile, erano apparse subito gravissime e per questo era stata trasportata in elicottero al Cardarelli.

A quanto si è appreso, Domenico Schettino, 40 anni, ex guardia giurata , subito dopo il delitto, compiuto sabato sera dopo un diverbio,  si è costituito alla stazione di Lauro.

Tutto è avvenuto per questioni di traffico, in particolare una mancata precedenza.

Ieri sera Schettino è andato a casa di Sepe e, nel cortiletto dell’abitazione, ha sparato prima contro di lui, uccidendolo, e poi contro i suoi familiari, ferendo in maniera gravissima la figlia Carolina e il figlio Orlando, ricoverato nell’ospedale di Nola. Meno gravi le condizioni degli altri due feriti: la convivente di Sepe, Vincenzina Ferraro, di 42 anni, e la suocera, Bettina Crisi.

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close