EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Pietrasanta Muore di infarto L’ambulanza non ha defibrillatore

Pietrasanta Muore di infarto L'ambulanza non ha defibrillatoreUn uomo di 57 anni colpito da un malore è morto dopo che l’auto medica che è intervenuta per soccorrerlo non aveva il defibrillatore a bordo, mentre un’ambulanza, chiamata anch’essa ad intervenire, non è riuscita a trovare l’abitazione dell’uomo. Quando è finalmente arrivata sul posto una seconda ambulanza, per il malato era ormai troppo tardi.

A rendere noto l’accaduto a Pietrasanta è stata la stessa Asl 12 di Viareggio che ha aperto una verifica interna.

Brunero Baldacchini, direttore generale della Asl 12 di Viareggio, ricostruisce così quanto avvenuto. Intorno alle 8 la centrale operativa della Asl di Viareggio ha ricevuto una richiesta di soccorso per una persona che aveva perso conoscenza in località Strettoia nel comune di Pietrasanta ed ha assegnato un codice rosso alla missione, attivando immediatamente, come da protocollo, l’auto medica con medico e infermiere a bordo con partenza dal distretto Asl di Querceta, e contemporaneamente l’ambulanza, con partenza da Seravezza. L’auto medica è giunta sul posto circa 7 minuti dopo la chiamata, e il medico e l’infermiere hanno iniziato subito le manovre di rianimazione, ma non avevano il defibrillatore.

L’ambulanza ha avuto difficoltà a trovare la località, quindi ne è stata attivata una seconda, che è giunta sul posto dopo circa mezz’ora dalla richiesta di soccorso. A quel punto è stato usato il defibrillatore, ma inutilmente. «L’errore che è stato commesso è grave – dice Baldacchini – Le procedure prevedono che l’auto medica debba avere il defibrillatore a bordo e che sia l’infermiere a fare la check list delle attrezzature». È stata subito attivata una verifica interna, e coinvolto il Centro Regionale per la gestione del rischio clinico. Il magistrato ha disposto l’autopsia, dalla quale emergeranno le reali cause del decesso dell’uomo.

“L’errore che è stato commesso è grave – dice Baldacchini – Le procedure prevedono che l’auto medica debba avere il defibrillatore a bordo e che sia l’infermiere a fare la check list delle attrezzature”. E’ stata subito attivata una verifica interna, e coinvolto il Centro Regionale per la gestione del rischio clinico. Il magistrato ha disposto l’autopsia, dalla quale emergeranno le reali cause del decesso dell’uomo.

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com