Italia

Lodi: caso Pizzocolo. Una supertestimone racconta “Ho rischiato di morire”

Lodi, dopo il falso nome utilizzato da Pizzocolo ecco che spunta una supertesimonte “Anche io ho rischiato di morire per colpa di Pizzocolo”, così avrebbe dichiarato una donna agli investigatori della questura  di Lodi .

Ovviamente gli investigatori  non svelano nessun particolare sulla supertestimone, intanto però si continuano a cercare le presunte vittime E’ la denuncia che avrebbe fatto una donna agli investigatori della questura di Lodi nei confronti dell’uomo accusato dell’omicidio della 18enne romena Lavininia Ailoaiei. Sull’identità della donna gli inquirenti, che non confermano neanche la sua esistenza, viene mantenuto il più stretto riserbo. Si rafforza la pista del serial killer.

Intanto  le  indagini della questura di Lodi continuano a pieno ritmo con l’analisi dei filmati salvati nei computer del killer. Si tratta di filmati pornografici girati da Pizzocolo con telecamere nascoste nella stanze di alcuni motel della Lombardia. Resta ancora il mistero sul giro vorticoso di denaro sui conti del ragioniere. Resta in piedi la pista del regista di “snuff movies”, film nei quali viene ripresa la morte in diretta. Gli inquirenti hanno ricostruito decine di serate passate dal killer nei motel tra le province di Lodi, Milano, Cremona e Varese.
Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close