EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Oristano: al via il servizio gratuito dell’ispettorato micologico per una raccolta di funghi consapevole

fungoPiogge e tepori d’autunno riempono boschi e pinete di funghi anche nell’oristanese. Grazie alle prime piogge in campagna vi è già una notevole quantità di funghi spontanei. Per evitare avvelenamenti o momenti spiacevoli è necessario saper riconoscere il fungo commestibile da quello no.

In Sardegna è pure vero i funghi velenosi sono molto pochi, pari all’1% delle specie note. A tal riguardo l’Ispettorato micologico della Asl 5 di Oristano mette in campo  un servizio gratuito offerto dal Servizio Igiene degli Alimenti e Nutrizione, per tutta la stagione è possibile richiedere una consulenza gratuita tramite appuntamento telefonico.

Per usufruire della consulenza è necessario a portare i funghi raccolti al controllo dell’Ispettorato micologico, in particolare quelli sulla cui commestibilita’ si nutrono dei dubbi, garantisce di poter consumare il raccolto in tutta tranquillita’ e sicurezza e di evitare intossicazioni che potrebbero rivelarsi perfino letali.


I funghi devono essere presentati all’Ispettorato in cestini rigidi e forati, possibilmente suddivisi per specie, e devono essere interi, freschi, puliti e ben conservati. E’ inoltre necessario portare con se’ l’intero raccolto e non solo un campione, perche’ fra quelli non controllati potrebbe nascondersi un esemplare non commestibile.

E’ bene sapere che i funghi andrebbero consumati sempre cucinati e mai in grandi quantità perchè potrebbero comunque causare allergie inoltre la raccolta deve essere consapevole,  evitare la raccolta di funghi  troppo giovani o troppo maturi, ammuffiti o alterati e fare attenzione a quelli che crescono in zone a rischio inquinamento, nei pressi di discariche, strade ad alto traffico, aree trattate con pesticidi.

Quando si raccoglie il fungo  è necessario staccare delicatamente  l’organismo dal terreno e trasportarli in cestini rigidi e forati, per favorire la diffusione delle spore. In caso invece si verifichino dei disturbi dopo aver consumato funghi, è consigliabile recarsi immediatamente al Pronto Soccorso, portando con sé eventuali avanzi del pasto per permettere ai sanitari di identificare tempestivamente le cause del problema.

Oltre al controllo del raccolto, l’Ispettorato micologico Asl garantisce anche le certificazioni sanitarie di commestibilità dei funghi freschi spontanei destinati alla vendita al dettaglio e alla somministrazione, certificazioni che sono obbligatorie per gli operatori della ristorazione e del commercio al dettaglio e all’ingrosso, i quali devono anche aver frequentato i corsi organizzati dall’Ispettorato Micologico e ricevuto l’attestato di idoneità che li abilita alla vendita e alla somministrazione dei funghi freschi spontanei.


Quattro le sedi dell’Ispettorato micologico a cui si può richiedere un appuntamento:

Oristano
tel. 0783.317721-317722 -317731-317005

Ales
tel. 0783.9111378

Bosa 
tel. 0785.225165

Ghilarza
tel. 0785.560285

*Per le sedi di Ales, Bosa e Ghilarza, in subordine al numero indicato, è necessario rivolgersi a quelli di Oristano.

Altre info sul sito ASL

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com