Italia

Roma: maxi sequestro beni a Giuseppe Giagnoli presunto prestanome di Enrico Nicoletti

DiaRoma, sequestro beni di 5 milioni di euro nei confronti di Giuseppe Giagnoli, romano di 58 anni, prestanome di Enrico Nicoletti, uno dei boss della Banda della Magliana.

Una maxi operazione quella conclusasi da qualche ora. Sigilli apposti in appartamenti, ville, terreni, auto di lusso e d’epoca, attività commerciali nella zona sud della Capitale.


Secondo quanto  si apprende Giagnoli sarebbe già stato rinviato a giudizio per associazione a delinquere di stampo mafioso nel 2003 insieme  a Nicoletti ed altre 27 persone. Giagnoli secondo gli investigatori della DIA avrebbe gestito a metà degli anni 90, per conto del presunto capo della Banda della Magliana, gli introiti provenienti da  numerose società operanti nel settore del commercio di autoveicoli.

«Giagnoli Giuseppe, dopo aver accumulato un patrimonio a seguito di numerosi delitti, ha poi deciso di investire tale ricchezza nella più proficua attività usuraria, utilizzando il medesimo modus operandi appreso in via diretta da un criminale di notevole spessore come Enrico Nicoletti» . Si legge, ma anche Giagnoli  «costringeva le vittime ad acquistare autovetture ad un prezzo notevolmente superiore al loro valore reale in modo da giustificare, con il pagamento rateale del veicolo, i versamenti usurari».

Tag

Hamlet

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close