EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Savona “Lasciateci almeno lo studio” Lettera degli studenti-lavoratori dei corsi professionali

Savona "Lasciateci almeno lo studio" Lettera degli studenti-lavoratori dei corsi professionaliPubblichiamo copia di una lettera di un gruppo di studenti-lavoratori dei corsi serali degli istituti Alberti, Boselli e Ferraris di Savona che, per questo prossimo anno scolastico 2013-2014, non potranno continuare gli studi poichè i corsi nelle terze e quarte classi non sono stati concessi. Gli stessi studenti-lavoratori già a causa della crisi economica italiana sono rimasti senza lavoro e proprio nello studio vedono la possibilità di  reinventare una nuova professione.

“Alla Procura della Repubblica di Savona

e p.c.

Egregio Direttore dell’Ufficio Scolastico Provinciale

Al Dirigente ISS Ferraris Pancaldo

Al Dirigente ISS Alberti Borselli

Egregio Presidente della Provincia di Savona

Egregio Prefetto della Provincia di Savona

Alla Stampa

Siamo studenti lavoratori iscritti alle classi terze e quarte della rete di corsi serali degli istituti Alberti, Boselli e Ferraris di Savona.

Frequentiamo con profitto ed una forte motivazione, dovuta da un lato alla nostra curiosità e voglia di apprendere e dell’altro alla capacità che hanno avuto i nostri insegnanti di saperci porgere le nozioni collegate alle loro discipline accrescendo in noi la voglia di conoscere.

Frequentiamo dalla classe prima il corso serale ed abbiamo la necessità di conseguire il diploma di Geometra, Ragioniere, Perito Industriale, Professionale Aziendale, per ovvi motivi professionali.

Siamo stati informati dalla scuola che per l’anno scolastico 2013-2014 non sono state concesse le classi terza e quarta alle scuole costituenti la rete, nonostante le scuole abbiano formalizzato la rete ed un progetto per il mantenimento dei corsi serali.

Siamo consapevoli della necessità di risparmiare risorse collegata alla situazione di crisi che stiamo attraversando, ma riteniamo che questa scelta sia alquanto infelice e che nel lungo termine non porterà ad un risparmio ma soltanto ad un limitazione del diritto allo studio e ad un impoverimento della formazione. D’altro lato proprio facendo riferimento a tale diritto, riteniamo che avendo noi intrapreso un corso di studio, questo ci vada garantito fino alla fine con l’offerta adeguata.

Questo nostro pensiero è condiviso dall’intero gruppo degli studenti del corso serale (in seguito gruppo), dei quali siamo portavoce, ed a tale riguardo alleghiamo un documento firmato da alcuni di noi, non essendo stato materialmente possibile sottoporlo a tutti i componenti del gruppo.

Chiediamo a codesta Procura di intervenire affinché ci sia garantito il diritto allo studio consentendoci di terminare il corso di studi intrapreso.

Vi ringraziamo per la Vostra attenzione e siamo tutti speranzosi in una Vostra positiva considerazione del nostro problema.

Bosano Fabio Genola Piermario Sciortino Enza Bevilacqua GabrieleTaddei Alessio Cannatelli Rocco Conio Umberto Ghidara Luca Lanfranco Pierpaolo Meza Meza Jose Rocco Francesco Domenico Caviglia Carlo Prandi Osvaldo Sandic Marize Vestra.

Savona 13/08/2013″

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION