Italia

Nigeriana segregata in una chiesa Apostolica Liberata dalla Polizia

Nigeriana segregata in una chiesa Apostolica Liberata dalla PoliziaA liberarla è stata la polizia arrivata alla giovane nigeriana sequestrata,  grazie alla segnalazione al 113 fatta dalla stessa vittima . Tra gli arrestati il «pastore» della struttura religiosa e due suoi connazionali.

Una donna nigeriana di 39 anni è stata segregata per dieci giorni all’interno di una chiesa apostolica, la  «The Apostolich Church» di via delle Amazzoni, a Roma gestita da un pastore anche lui nigeriano. La donna aveva rifiutato rapporti sessuali con il pastore e per questo era stata rinchiusa in una stanza e privata dei documenti. Durante la prigionia la donna e’ stata anche vittima di violenze sessuali. Solo dopo dieci giorni, approfittando di un momento di distrazione del suo carceriere e di altre persone vicine al pastore, complici nella vicenda, e’ riuscita a procurarsi un cellulare e a chiamare 113. A liberarla sono stati gli equipaggi del Reparto Volanti di Roma.

Il «pastore» di 38 anni e due connazionali, di 39 e 31 anni, sono stati arrestati per sequestro di persona in concorso, mentre due donne, accusate dello stesso reato, sono state sottoposte alla misura degli arresti domiciliari.

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close