Società

Successo per la visita a Villa Pergola con Amnesty da Antonio Ricci con Bruno Schivo

Successo per la visita a Villa Pergola con Amnesty da Antonio Ricci con Bruno SchivoUna visita molto interessante è stata proposta ( in collaborazione con l’Assessorato al Turismo) dalla sezione alassina di Amnesty International.

Si è trattato della visita guidata alla Villa della Pergola l’ elegante capolavoro architettonico di fine Ottocento costituito da tre edifici armoniosamente inseriti in una vasto parco collinare che domina la Baia del Sole. A fine visita è stato poi possibile anche visitare la celebre “West Memorial Gallery” e la English Library. “Villa Pergola – ha detto il professor Bruno Schivo, accompagnando i visitatori- è una magnifica villa inglese immersa in un lussureggiante giardino di oltre venti mila metri. Si tratta di un esempio della valorizzazione che gli inglesi seppero dare al territorio grazie soprattutto all’armonizzazione della vegetazione mediterranea con svariate tipologie di piante rare e suggestiva flora esotica.

Ripercorrere la storia della villa è come ripercorrere le stesse vicende che portarono nell’ Ottocento gli Inglesi ad Alassio. Il complesso venne realizzato dal generale scozzese William Montagu Scott Mc Murdo nel 1875, per passare prima alla famiglia Hamilton Dalrymple ai primi del Novecento e nel 1922 a Daniel Hanbury secondogenito di Thomas Hanbury, proprietario della celebre Villa della Mortola a Grimaldi”. Villa Pergola, che è oggi proprietà del famoso regista televisivo Antonio Ricci, venne definita da Walter Scott una delle meraviglie della Riviera. Alla visita hanno preso parte una trentina di persone che hanno avuto la fortuna di visitare una specie di Paradiso Terrestre, accompagnati dallo studioso Bruno Schivo, di Amnesty Alassio e grande appassionato della Storia ligure e locale. Per coloro che volessero prendere parte alle prossime passeggiate è possibile contattare i numeri telefonici 3283066168 e 0182648142, oppure scrivendo all’indirizzo e mail bruno.schivo@iol.it.
CLAUDIO ALMANZI


Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close