EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Sardegna. Cleopatra. Al via la ricostruzione, ordinanza e moduli per richiesta rimborsi e risarcimento

Sardegna. Cleopatra. Villacidro raccolta beni mercoledì 20 e giovedì 21Sardegna, dopo Cleopatra la ricostruzione è necessaria. Emessa da qualche ora la prima ordinanza del nuovo commissario delegato della Protezione civile della Regione Sardegna.

Il testo qui riportato è stato prelevato dal sito della Regione Sardegna.

È stata emessa la prima ordinanza della Protezione civile che riguarda i primi interventi urgenti per fronteggiare l’emergenza generata dall’alluvione che ha colpito l’Isola.


Dopo un esame dei comuni danneggiati, avvalendosi dei centri di coordinamento soccorsi e dell’apporto dei sindaci dei comuni coinvolti, il commissario dispone l’attuazione degli interventi necessari ad assicurare assistenza alla popolazione colpita (e il loro tempestivo rientro nelle rispettive abitazioni) e l’esecuzione di quelli urgenti in favore della pubblica incolumità e utili a non pregiudicare le operazioni di soccorso.

Secondo l’ordinanza, commissario delegato, centri di soccorso e sindaci, per l’espletamento delle attività, sono autorizzati all’acquisizione di beni e servizi necessari, all’occupazione e requisizione di beni mobili e immobili, alla movimentazione di mezzi e materiali, alla stipula di convenzioni per trovare alloggio in strutture pubbliche e private (anche alberghiere). Il commissario si avvale, inoltre, delle strutture organizzative e del personale della Regione, degli enti e agenzie regionali, nonché della collaborazione delle amministrazioni dello Stato e degli enti locali, e predispone (nel limite delle risorse finanziarie indicate nel documento), entro venti giorni dall’emanazione dell’ordinanza, un piano che contenga interventi urgenti di soccorso e di assistenza (con descrizione tecnica, durata e spesa di ciascun intervento). Il piano potrà essere successivamente rimodulato e integrato (nei limiti delle risorse). Il commissario, infine, provvede all’individuazione di appositi siti di stoccaggio temporaneo per fanghi, detriti e materiali vari.

Il commissario, con la collaborazione dei sindaci, è autorizzato ad assegnare alle famiglie, la cui abitazione principale e abituale sia stata distrutta del tutto o in parte (o comunque sgomberata) un contributo di 600 euro mensili, e, comunque, nel limite di 200 euro per ogni componente del nucleo familiare; se il nucleo familiare è composto da una persona, il contributo è di 300 euro. Qualora in famiglia siano presenti persone portatrici di handicap, è concesso un contributo aggiuntivo di 200 euro mensili.


Nell’ordinanza è decretato la nomina del commissario delegato (art. 5) quale soggetto responsabile del coordinamento dell’attività di ricognizione dei fabbisogni relativi al patrimonio pubblico e privato, delle attività economiche e produttive, le modalità di attuazione della ricognizione del patrimonio pubblico (art. 6) e privato (art. 7), le attività economiche e produttive (art. 8) e le procedure (art. 9) per la ricognizione, infine la copertura finanziaria (art. 11) totale (20 milioni di euro).

Documentazione ed ordinanze reperibili qui 

About the author

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com