Società

Bertolazzi e Lanfranco da Domenica all’ Oratorio dei Disciplinanti a Finalborgo

Finalborgo Finale Ligure- Proseguono a Finalborgo i preparativi per la interessante doppia personale dedicata a Giuseppe Bertolazzi ed Eugenio Lanfranco che si aprirà domenica ( ore 17 e 30).

Si tratta di un nuovo importante appuntamento proposto dal Comune di Finale all’Oratorio de’ Disciplinanti: “ Due artisti a confronto: Bertolbep, omaggio a Giuseppe Bertolazzi / Ianuae Sapientiae, opere di Eugenio Lanfranco” è il titolo dell’ iniziativa curatoriale di Daniele Decia ed Armando D’Amaro. “ Giuseppe Bertolazzi ed Eugenio Lanfranco insieme ? Sì -dicono i due curatori- Così diversi ma accomunati da passione per l’arte, estrema sensibilità e ‘crescita’ nella stessa grande fucina: Albisola. Beppe, nato a Torino nel 1933, vi giunse in bicicletta -“come se l’avessi rubata al vento, su e giù…e sono arrivato”- più per gioco che per scelta cosciente, Morirà a Savona nel 2001. Poeta, ceramista e pittore -utilizzava con fantasia materiali diversi- fu anche, precorrendo arti ‘nuove’, performer: ad Albisola ricordano “Bertolbep”, come si era ribattezzato, talvolta fasciato da carta stagnola, altra proporsi come tappeto sul pavimento di un salotto, o ancora spargere notizia sull’arrivo di una astronave alla sua ricerca”.

Eugenio Lanfranco nasce invece a Savona nel 1953. Laureato in medicina è il responsabile del Laboratorio di Analisi del San Paolo di Savona. Da sempre si dedica alla ceramica e dalla metà degli anni Ottanta inizia a collaborare con la manifattura ceramica albisolese “ Fabbrica Casa Museo Giuseppe Mazzotti 1903” di proprietà di Bepi Mazzotti e del figlio Tullio. “ L’arte – di Lanfranco- concludono Decia e D’Amaro- è più ‘interiore’, scorre tra Occidente e Oriente, tra Alchimia e Zen. Il creare ceramica, con i quattro elementi ed in tre fasi d’opera, ha qualcosa di alchemico: la terra è impastata con l’acqua, asciugata dall’aria e cristallizzata dal fuoco purificante. Lanfranco ‘plasma’ eliminando il superfluo per giungere, in ottica zen, al ‘contenitore’ di tutte le cose: in queste ceramiche vi sono chiavi o serrature perché le porte -Ianuae Sapientiae- sono simbolo del passaggio per transitare dall’ignoranza alla conoscenza, un viaggio alla ricerca dell’anima segreta delle cose”. La mostra sarà visitabile tutti i giorni fino al 23 febbraio ( dalle ore 15 alle 20).
CLAUDIO ALMANZI


Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close