Italia

Smaltimento armi chimiche Siria in corso in Sardegna? Movimento tra Santo Stefano e La Maddalena

downloadContinua la controversa vicenda dello smaltimento delle armi chimiche  in Sardegna. Se da un lato in una nota di agenzia di stamane si apprendeva  che il deputato Piras, eletto in Sel, annunciava battaglia sulla questione del transito delle armi chimiche nell’isola così dichiarando “La ultra cinquantennale occupazione militare, la quota sterminata di territorio dedicata a poligoni, esercitazioni e test di guerra, costituiscono un dazio pesantissimo che i sardi pagano agli interessi della Difesa ed all’Alleanza Atlantica. E’ assurdo pensare che ora si possa anche considerare la Sardegna alla stregua di una pattumiera di sistemi d’arma (peraltro pericolosissimi) come quelli dell’arsenale chimico siriano”,  ricordando che giovedì 16 di gennaio le Commissioni Esteri e Difesa della Camera ascolteranno i ministri degli Esteri e dei Trasporti sulle questioni relative alla crisi siriana, momento in cui secondo quanto dichiarato da Piras si sarebbero dovute chiedere ulteriori delucidazioni sullo stoccaggio e lo smaltimento dell’arsenale chimico della Siria  dall’altro invece sarebbe già in circolazione un documento dove la Saremar si renderebbe disponibile all’uso di propri mezzi.


Esiste una nota della Saremar dove si apprende che  mercoledì 15 di gennaio dei mezzi della compagnia navale  caricherebbero degli automezzi vuoti  in transito  dalla Maddalena  sul mototraghetto  Isola di Caprera vuoti verso l’isola di Santo Stefano  dove sono attesi intorno alle 14.30. Il giorno seguente, giovedì 16 lo stesso  mototraghetto alle ore 14.30 circa partirà da La Maddalena verso l’Isola di San Stefano dove arriverà verso le 15.10 per imbarcare immediatamente gli automezzi carichi di esplosivo e trasportarli a Palau dove sono attesi dopo circa 30 minuti.

In base a quanto si apprende da La Maddalena salterebbe la corsa del mototraghetto delle ore 16.00 proprio perchè previsto un transito di merci pericolose.


Mentre la politica ed il Palazzo continua a discutere la vertenza armi chimiche le armi invece, circolerebbero nei mari di Sardegna dove sembra debbano essere smaltite, nel documento della Saremar sembra essere anche chiaro che l’azienda di trasporti ha avuto regolare autorizzazione dall’assessorato regionale competente, qualche giorno fa era stato lo stesso governatore uscente della Regione Sardegna  a Twittare secondo quanto si apprende dall’Unione Sarda: No al transito delle armi chimiche siriane in Sardegna. Fonti riservate danno i giorni tra il 3 e 7 febbraio per l’arrivo delle navi. Non lo consentiremo!

Ecco il documento che confermerebbe quanto su scritto . Ma in quei mototraghetti cosa c’è veramente?

1553038_511023062345429_977469151_n

Tag

Hamlet

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close