EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Appiccare fuoco a rifiuti abbandonati è reato di “Combustione illecita”

rifiutiSulla Gazzetta Ufficiale n. 32 dell’8 febbraio 2014 è stato pubblicata la Legge n. 6 del 6 febbraio 2014 di conversione, con modificazioni, del Decreto-legge n. 136/2013, contenente disposizioni urgenti dirette a fronteggiare emergenze ambientali e industriali ed a favorire lo sviluppo delle aree interessate, cosiddetto Decreto “terra dei fuochi“. Le norme contenute nella Legge sono entrate in vigore il 9 febbraio, il giorno successivo alla loro pubblicazione in Gazzetta.


In particolare, si segnala che l’articolo 3 del Decreto n. 136/2013, introduttivo del reato di combustione illecita e che punisce, con la reclusione da due a cinque anni, chiunque appicca il fuoco a rifiuti abbandonati ovvero depositati in maniera incontrollata, e reclusione da tre a sei anni nel caso il fuoco sia appiccato a rifiuti pericolosi, è stato modificato, in sede di conversione, con l’aggiunta del periodo “Il responsabile è tenuto al ripristino dello stato dei luoghi, al risarcimento del danno ambientale e al pagamento, anche in via di regresso, delle spese per la bonifica”. Il comma 3 dell’articolo citato, inoltre, è stato sostituito con la previsione che introduce un aumento di un terzo della pena per i casi in cui il delitto venga commesso nell’ambito dell’attività di un’impresa o comunque di un’attività organizzata.

Foggia, 11 febbraio 2014                                            Avv. Eugenio Gargiulo

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com