EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Le mani di Cosa Nostra sul mercato ortofrutticolo di Palermo

diaFra i beni sequestrati dalla Dia ci sono 20 immobili, tra terreni, appartamenti e box, 13 aziende, 14 veicoli e numerosi rapporti finanziari per un valore complessivo di oltre 250 milioni di euro.

La Direzione investigativa antimafia di Palermo ha confiscato beni immobili aziende e rapporti finanziari per un valore complessivo di circa 250 milioni di euro, ritenuti riconducibili a esponenti del clan Galatolo.

L’operazione, conclusa alle prime ore di questa mattina, ha avuto come fulcro le attività legate al mercato ortofrutticolo e al suo indotto. I beni sequestrati, secondo l’accusa, sono riconducibili a cinque palermitani ritenuti vicini e contigui a Cosa nostra, e in particolare al clan dei Galatolo. Sono Angelo e Giuseppe Ingrassia,  Pietro La Fata, e Carmelo e Giuseppe Vallecchia.

Secondo le indagini della Dia  i cinque, titolari di vari stand all’interno del mercato ortofrutticolo ne monopolizzavano l’attività attraverso una rete di insospettabili imprenditori che gestivano gli stand più in vista e i prodotti migliori. Cosa Nostra  avrebbe gestito anche, attraverso l’utilizzo dei servizi forniti dalla Cooperativa “Carovana Santa Rosalia”, la compravendita di merce, facchinaggio, parcheggio, trasporto e vendita di cassette di legno e materiale di imballaggio. Sarebbe stato controllato anche il prezzo dei beni posti in vendita ed il trasporto da e per la Sicilia occidentale ed i principali mercati di approvvigionamento del centro Italia.

Alle indagini hanno contribuito le dichiarazioni di numerosi collaboratori di giustizia. Fra i beni sequestrati dalla Dia ci sono 20 immobili, tra terreni, appartamenti e box, 13 aziende, 14 veicoli e numerosi rapporti finanziari per un valore complessivo di oltre 250 milioni di euro.


About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com