EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Maglie in cachemire con pelo di topo

guardia di finanzaMaxi sequestro da parte  della guardia di Finanza tra Livorno e Roma, di capi di vestiario molti dei quali si sono rivelati composti da un misto di acrilico, viscosa, poliestere e persino di peli di topi ed altri animali.  Denunciate 14 persone di nazionalità cinese per frode in commercio. Insieme ai falsi ‘cachemire’, sono stati trovati anche capi con etichetta ‘lana merinos’, ‘seta’ o ‘pashmina’ poi risultati falsi.

Le indagini erano partite qualche mese fa, dopo un controllo in un negozio di Rosignano Marittimo (Livorno), gestito da una coppia cinese. Ai Finanzieri il prezzo dei capi era risultato troppo basso per essere in cachemire. A questo sono seguiti controlli di laboratorio e si è scoperto che i capi non erano di lana pregiata ma di un misto di acrilico, viscosa, poliestere e persino di peli di topi ed altri animali. I successivi accertamenti hanno portato al fornitore dei capi di abbigliamento, un grossista di Sesto Fiorentino (Firenze), di fatto distributore per tutta l’Italia centrale di tessili ‘made in China’. Individuati anche i fornitori del grossista fiorentino: cinque società con sede a Roma.


About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION