Italia

Marò e Giuliana Sgrena, interviene Maccari, Coisp

“E’ raccapricciante che un personaggio come Giuliana Sgrena, che dovrebbe  portare sulla coscienza il peso della morte di un Servitore dello Stato che si  è sacrificato per proteggerla, arrivi ad insultare i due marò italiani prigionieri  in India. Proprio lei che ha causato la morte di Nicola Calipari,  sfruttando poi la notorietà per una candidatura politica, si arroga il diritto
di chiamare altri assassini”. E’ quanto afferma Franco Maccari, Segretario  Generale del COISP – il Sindacato indipendente di Polizia.
“Giuliana Sgrena – prosegue Maccari – rivendica una sorta di superiorità  morale rispetto ai due militari italiani, ma noi siamo convinti che la sua vita  non valga una sola briciola più di quella dei nostri Marò. Semmai è vero  il contrario, perché nelle divise indossate da Latorre e Girone si riconosce con orgoglio la parte migliore del nostro Paese, quella che ancora conserva
valori come l’amore per la propria Patria e per la propria comunità,  lo spirito di servizio e il senso del sacrificio. La Sgrena invece rappresenta  soltanto una classe politico-intellettuale carica di odio e di ipocrisia,  buona a giocare alla rivoluzione mentre la gente muore perché nessuno  si faccia male. Eppure nonostante a nessun italiano interessasse il destino  della Sgrena, se non a qualche compagno di salotto, lo Stato non si è tirato  indietro per salvarle la pelle, pagando un prezzo salatissimo: un riscatto
di sei milioni di euro e la vita di un funzionario del Sismi. Ora però  ci risparmi lezioni di moralità e di eroismo. E’ vero, è vergognoso che la  vicenda di Giuliana Sgrena venga paragonata a quella dei Marò: in lei non  c’è un solo grammo della dignità e del valore dimostrato dai nostri militari”.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close