EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Nuovo codice etico L’avvocato ora deve pagare il praticante

Foto Avv. Eugenio GargiuloIl Consiglio nazionale forense ha appena  presentato il nuovo codice deontologico con il quale spiega, in 73 articoli, cosa il legale deve fare ma, soprattutto, non fare.

Le novità principali riguardano: la tipizzazione degli illeciti, la predeterminazione della sanzione con l’indicazione dei meccanismi di aggravamento e di attenuazione e la nuova formulazione delle condotte rilevanti tenendo presente quanto affermato dai giudici e dal legislatore.

Viene data massima importanza al titolo dedicato con i clienti (anteposto al titolo sui rapporti coi colleghi). Con il cliente il rapporto nasce con la libera pattuizione del compenso, anche misurato con modalità diverse. Resta sempre vietato il divieto del patto di quota lite.

L’avvocato dovrà astenersi dal consigliare azioni inutilmente gravose e fare la ricevuta fiscale per ogni somma che gli viene versata.

Tra le dolenti note, l’elencazione dei comportamenti che fanno incappare nel divieto di accaparramento della clientela: dalle prestazioni nei luoghi pubblici o offerte a domicilio agli omaggi.

Il codice affronta ancora una volta il delicato tema dei rapporti tra dominus e praticanti. Per questi ultimi si apre la via del rimborso spese e, dopo sei mesi, un compenso adeguato!

Foggia, 20 febbraio 2014                                            Avv. Eugenio Gargiulo

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com