Economia

Una manovra regionale che colpisce cultura, i più deboli e la ricerca Luca Lecardane coordinatore siciliano di Net Left»

netleftAncora una volta con una manovra regionale si colpiscono fasce deboli e cultura. La giunta Crocetta in assoluta continuità, in questo caso, con le precedenti amministrazioni regionali – afferma Luca Lecardane responsabile regionale dell’associazione Net Left – sceglie la via più facile per costruire una manovra economica per la quale non si vede alcuna differenza tra le giunte di Cuffaro e Lombardo sostenute da varie maggioranze politiche di centrodestra e di centrosinistra e la sua.


Vengono azzerati o tagliati fondi importanti: quello per lo sviluppo e la propaganda dei prodotti siciliani che, se fosse stato usato in maniera più accurata, avrebbe potuto portare dei risultati per il turismo e la conoscenza della Sicilia fondamentali per il rilancio economico di una terra martoriata; fondi per enti culturali come il museo Riso o l’istituto per il dramma antico di Siracusa che anzi erano da incrementare; fondi per gli enti parco che già vivono momenti di grande difficoltà, enti parco che andrebbero riorganizzati e razionalizzati ma che rischiano di sparire; fondi per le famiglie disagiate; fondi per l’istituto zootecnico, ente fondamentale per l’assistenza alle aziende zootecniche e per la ricerca; fondi per il ricovero di disabili psichici e dei minori.

In compenso – continua Lecardane -vengono finanziati una serie di enti privati religiosi e il buono scuola che finanzia istituti paritari privati, i cui effetti per l’economia siciliana sono tutti da dimostrare.

Non c’è nessuna contrapposizione ideologica alla contrarietà a questi finanziamenti, ma c’è una riflessione sull’opportunità economica, politica e sociale

Speriamo che l’Assemblea Regionale Siciliana cambi questa finanziaria senza vere prospettive per il futuro e rimetta al centro dello strumento finanziario  la cultura, la difesa e l’assistenza dei più deboli, la ricerca,gli investimenti e gli aiuti alle piccole e medie imprese aumentando, dall’altro lato, la battaglia contro gli sprechi e contro l’evasione e l’elusione fiscale.

 

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close