EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Oristano, assessore Corrias scrive alla Ras “Rischio assistenza studenti disabili”

provincia Oristano Si concretizzano ogni giorno di più gli effetti e le conseguenze dei drastici tagli al trasferimento di risorse che, ormai da qualche anno, il Governo nazionale prima e la Regione poi hanno portato avanti verso gli enti locali in generale, ma in particolare alle Province.

Per assecondare un troppo semplicistico “taglio ai costi della politica”, l’Ente Provincia è stato delegittimato senza che ci si preoccupasse di competenze e funzioni svolte, ma soprattutto senza comprendere che eliminando il livello istituzionale sarebbero state tagliate risorse certe alle comunità per servizi fondamentali.

Le Province, così come quella di Oristano, non sono più in grado di sostenere funzioni e servizi alla cittadinanza, quelli sì, rimasti invariati pur senza le necessarie risorse.

Un problema sottovalutato a tutti i livelli, quello delle risorse, fatto gravissimo che certamente inciderà negativamente su problematiche sociali importanti, come quella legata all’assistenza scolastica degli studenti diversamente abili.

Proprio in merito a questo delicato problema interviene l’assessore provinciale alla Pubblica Istruzione, Serafino Corrias, anche a nome del presidente della Provincia e della Giunta provinciale, con una nota indirizzata a Claudia Firino, assessore regionale alla Pubblica Istruzione e agli assessori e consiglieri regionali dell’oristanese.

A rischio, per il prossimo anno scolastico, è il servizio di assistenza educativa, trasporto e accompagnamento al trasporto a favore degli alunni diversamente abili degli istituti di istruzione superiore della provincia di Oristano. Un servizio che dopo i tagli effettuati dallo Stato e i minori trasferimenti della Regione, grava per l’80% sul bilancio dell’Ente ed è certo che, stando così le cose, la Provincia non sarà più in grado di sostenerlo.

Nell’anno scolastico in corso, per garantire il servizio a un centinaio di alunni, è stato complessivamente speso circa un milione di euro. Una cifra probabilmente non sufficiente nel prossimo anno scolastico 2014/2015, considerato il crescente numero degli studenti che richiederanno il servizio, con l’aumento dei costi orari e delle ore da assicurare.


About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com