Salute

Sclerosi Multipla: microangiopatia trombotica associata con l’interferone beta

nejmE’ stata pubblicata sul sito della prestigiosa rivista scientifica New England Journal of Medicine una lettera intitolata”Microangiopatia trombotica associata con l’interferone beta“.

Alcuni ricercatori dell’Università di Edimburgo (Scozia) hanno scritto:

“L’interferone beta è una terapia ricombinante delle proteine ampiamente prescritta con un consolidato profilo di sicurezza favorevole. Qui, descriviamo un numero inaspettatamente alto di casi di microangiopatia trombotica associata a ipertensione grave o maligna in quattro pazienti con sclerosi multipla del sud della Scozia che ricevevano la terapia con interferone beta ricombinante. Una dettagliata revisione della storia clinica di questi pazienti, tra cui un’analisi genetica, non ha individuato alcun altro fattore causale per questa condizione, e un’analisi dei registri della farmacia ha rivelato una significativa associazione con una fonte di produzione comune dell’interferone beta (Rebif, Merck).

“Le autorità di regolamentazione del Regno Unito hanno ricevuto sei segnalazioni spontanee supplementari di disturbi legati alla microangiopatia trombotica e all’interferone beta, tutte associate con lo stesso produttore. Nel dicembre 2013, l’Agenzia britannica responsabile dei medicinali e dei prodotti sanitari (MHRA) ha pubblicato una revisione sulla sicurezza per quanto riguarda un possibile legame tra l’interferone beta e la microangiopatia trombotica. Nell’aprile 2009 , il produttore di Rebif ha aggiunto un’avvertenza nel foglietto illustrativo di una possibile associazione con la microangiopatia trombotica, che è stata specificamente definita come sindrome emolitico-uremica e porpora trombotica trombocitopenica (HUS/TTP).

Abbiamo chiesto i dati relativi alla distribuzione geografica e temporale dei rapporti di HUS/TTP. Coerentemente con le nostre osservazioni nel Regno Unito, pochissimi casi sono stati segnalati a livello globale nei primi 9 anni di monitoraggio sulla sicurezza. Tuttavia, vi è stato un recente aumento delle segnalazioni provenienti da paesi che condividono la stessa formulazione di quella utilizzata nel Regno Unito. E’ necessaria una sostanziale cautela nell’interpretazione di segnalazioni spontanee su reazioni avverse ai farmaci, dal momento che tali relazioni sono volontarie, potenzialmente sono soggette ad essere sottostimate, e possono essere influenzate da molti fattori, tra cui la gravità della reazione al farmaco, la classificazione diagnostica, e il grado di pubblicità. Tuttavia, non abbiamo rilevato tali modelli o tendenze nei dati di sicurezza provenienti da un prodotto simile di interferone beta ricombinante, suggerendo che possono essere utili ulteriori indagini dell’associazione con i cambiamenti nella produzione. Abbiamo sollevato questi problemi con il produttore e con le autorità di regolamentazione.

I pazienti nelle nostre analisi condividono importanti caratteristiche cliniche. In primo luogo, tutti i pazienti si presentavano dopo anni di trattamento ben tollerato con interferone beta, rendendo difficile da riconoscere un’associazione. In secondo luogo, l’esordio fulminante era associato con grave ipertensione. In terzo luogo, nonostante l’esordio d’emergenza, una revisione retrospettiva ha individuato cambiamenti cronici in tutti i campioni di biopsia renale, e un prodromo in tre dei quattro pazienti con caratteristiche che includevano ipertensione di nuova diagnosi, anomalie ematologiche, e insufficienza renale nei mesi prima della diagnosi. Successivamente abbiamo identificato un prodromo simile in un recente caso fatale nel Regno Unito. La microangiopatia trombotica è quindi una complicanza grave e potenzialmente fatale che è emersa tardivamente nella terapia con interferone beta ricombinante. Le prime manifestazioni di questa complicanza possono essere riconoscibili con una maggiore vigilanza, con la possibilità di ridurre la gravità.”

Fonte: http://www.nejm.org/doi/full/10.1056/NEJMc1316118

Tag

Alessandro Rasman

Alessandro Rasman, 49 anni, triestino. Laureato in Scienze Politiche, indirizzo politico-economico presso l'Università di Trieste; è malato di sclerosi multipla, patologia gravemente invalidante, dal 2002. Per Mediterranews cura una speciale rubrica sulla sclerosi multipla.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close