Editoriali

La cucina aiuta a risolvere gli screzi di coppia?

download (5)Intervista alla Psicoterapeuta Anna Manderioli, per l’occasione sarà servito un menù seduttivo

Mercoledì 28 maggio 2014, GardenClub Arisbar, Via Larga, angolo Via Scandellara (si entra anche dal centro commerciale Via Larga) Bologna

Dalle Ore 19,30

Nell’ambito della rassegna “I sensi della cucina” del Gruppo Arisbar il prossimo mercoledì sarà la volta della cucina come elemento pacificatore se non risolutore di piccoli screzi in una coppia. Dora Carapellese intervisterà Anna Manderioli, Psicologa e Psicoterapeuta che ci darà qualche spunto per vivere meglio in coppia.


La cucina di per sé è un luogo dove si intrecciano tutti i legami affettivi, famigliari e amicali; in cucina ci si incontra, ci si scambia, ci si scontra. Ed è qui che parole, cibo e desiderio si mescolano e le attrazioni si incarnano attraverso i gesti del cucinare e del mangiare.

Il menù non poteva che avere una connotazione seduttiva, infatti,  ogni portata corrisponderà ad una fase di relazione.

Il contatto: coppa della serenità

L’approccio: risotto di Venere

La seduzione: melanzane afrodisiache con crema al guaranà

Il risveglio: il nostro dolce Desiderio

Cibo come gesto d’amore dunque: cucinare per la persona amata può essere un segno d’affetto, un modo di prendersi cura, ma anche per stuzzicare la passione. Dall’attenzione per la scelta degli alimenti, alla preparazione dei cibi stessi; dall’invito in un luogo così “intimo” come la cucina di casa, alla scelta posta verso l’apparecchiatura non casuale, fino alla condivisione e allo scambio di cibo.

Così come cucinare insieme può essere un’ideale modalità per creare complicità, preparare e manipolare i cibi, scambiarsi assaggi. Essere complici nella scelta dei piatti può essere stimolante per l’amore, ma anche per la libido.

E in questo senso il cibo diviene preliminare alla passione: parlando e raccontandosi mentre si avvicinano bevande e cibi alla bocca, come se si cercasse di gustare il primo bacio ancora prima che accada.

Cibo quindi anche come modalità di riappacificazione: stupire facendo qualcosa di diverso dalla “solita minestra”.

Per riaccendere la passione oggi, infatti, si parla anche di Cooking Therapy, “stuzzicante terapia che si pratica, in due, tra i fornelli”. Preparazione del cibo, come possibilità di dare sfogo alla propria creatività, creando, o ritrovando la complicità perduta.

Per info e prenotazioni www.arisbar.it, 340 866 8661.

I sensi della cucina non si fermano qui, infatti, in programma sabato 31 maggio sarà la volta di Miglio e Violino.

 

Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close