EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

ROM alla STAZIONE FS di SM Novella Firenze – la proposta contro il degrado e la povertà: cooperativa di portabagagli

 rom> Il 20 febbraio 2014 nel mentre l’ex Sindaco di Firenze Matteo Renzi veniva
> nominato, dal Capo dello Stato Giorgio Napolitano, Presidente del Consiglio
> dei Ministri, ed a seguito delle decisioni assunte dal Comitato per
> l’Ordine e la Sicurezza,  la Stazione Ferroviaria di SM Novella venne
> militarizzata. Cento rappresentanti delle forze dell’ordine, Polizia di
> Stato, Polfer, Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia Municipale e
> personale delle Ferrovie dello Stato presidiarono esterno ed interno della

> Stazione. L’Obiettivo esplicito dichiarato  “*impedire l’ingresso a
> cittadini rom, poveri, esclusi ed emarginati*” portatori di degrado,

> secondo il Vice Sindaco Dario Nardella, il Questore Raffaele Micillo,  il
> Prefetto Luigi Varratta ed i vertici del Gruppo Imprenditoriale Grandi
> Stazioni – Ferrovie dello Stato.
>


>
> Nella giornata del 21 febbraio 2014 l’Associazione Nazione Rom, parte
> costituente del CONSIGLIO NAZIONALE ROM,  protocollò alla Regione Toscana,
> Comune di Firenze, Prefettura, Questura e Comando Regionale della Polizia

> di Stato – Compartimento Polizia Ferroviaria una  *richiesta di incontro
> con carattere di urgenza* per applicare territorialmente la STRATEGIA

> NAZIONALE di INCLUSIONE dei ROM, dei SINTI e dei CAMINANTI e la
> comunicazione n. 173 del 5 aprile 2011 della COMMISSIONE EUROPEA.
>
>
>
> La città di Firenze e le amministrazioni regionali e locali sono

> protagoniste ,di *GRAVI VIOLAZIONE di LEGGE*: il 27 febbraio febbraio 2013,

> venne stato istituito dalla Regione Toscana, con delibera n. 128, il Tavolo
> Regionale Toscano di Inclusione dei Rom, dei Sinti e dei Caminanti.  Le

> violazioni hanno riguardato la* mancata applicazione degli schemi di
> governante della Strategia*,  l’*estromissione formale della rappresentanza
> Rom* legalmente istituita dal  Tavolo stesso e dalle decisioni politiche da

> prendere nello stesso. La delibera venne  immediatamente contestata c/o i
> vertici delle istituzioni italiane con incontri istituzionali avvenuti il
> 17 luglio 2013 in Largo Chigi – sede UNAR – con il Ministero per
> l’Integrazione e conseguente  convocazione del Tavolo Interministeriale il
> 17 settembre 2013. I risultati degli incontri hanno permesso la nascita dei

> primi *Tavoli nelle Regioni della Liguria e del Lazio*, dove la società

> civile Rom è finalmente componente istituzionale degli stessi. I tavoli
> devono delineare percorsi, strategie, metodi e politiche per garantire
> piena applicazione degli accordi strutturali: case, lavoro, scuola e
> protezione sanitaria. Percorsi di accoglienza.
>
>
>
>
> http://www.libera.tv/videos/5803/firenze–i-rom-rovinano-il-decoro-cacciati-dalla-stazione
>
>
>

> *A Firenze sono continuati invece, per due mesi,  gravi violazione dei
> DIRITTI UMANI*: CAMPAGNE STAMPA DEMAGOGICHE e PROPAGANDISTICHE (che

> continuano ancora oggi)  hanno preceduto l’attuazione delle decisioni del
> Comitato per l’Ordine e la Sicurezza. Le istituzioni locali invece di
> combattere la povertà, applicando politiche di inclusione, hanno speso
> denaro pubblico per combattere i poveri predisponendo misure coercitive
> contro gli stessi ed in aperta violazione delle direttive europee. I
> vincoli restrittivi delle LIBERTA’ della PERSONA, violazioni della CARTA
> dei DIRITTI FONDAMENTALI EU e della legge italiana sono stati contestati
> con un esposto depositato il 17 marzo 2014 c/o la PROCURA della REPUBBLICA
> – TRIBUNALE di FIRENZE.
>
>
>
> L’Associazione Nazione Rom e gli attivisti del Consiglio Nazionale Rom in
> sinergia e solidarietà attiva e concreta con i difensori dei diritti umani,
>  hanno monitorato per mesi e settimane la Stazione di Sm Novella, sino ad

> organizzare, il 21 marzo 2014 una *Manifestazione Antirazzista* all’interno

> dello stesso scalo ferroviario, nella Giornata Mondiale della lotta al
> Razzismo ed alla Discriminazione. Il corteo composto da donne ed uomini di
> etnia Rom ha denunciato sia le violazioni di legge da parte dei
> responsabili del Comitato per l’Ordine e la Sicurezza e rivendicato il

> *DIRITTO
> COSTITUZIONALE* al *LAVORO *ed alla *DIGNITA’*. Risultato: diversi

> rappresentanti e funzionari della Questura e della Polizia di Stato,
> addetti delle Ferrovie hanno solidarizzato con i cittadini e le cittadine
> Rom. Dal mese di aprile il presidio composto da 100 uomini e donne delle
> Forze dell’Ordine è stato sciolto.
> http://www.youtube.com/watch?v=mfg6T86rk4Q
>
>
>
> L’Associazione Nazione Rom ha contattato, tramite il proprio legale
> rappresentante Marcello Zuinisi, i vertici del Comitato per l’Ordine e la
> Sicurezza, Daniela Lucchi della Prefettura di Firenze responsabile ordine
> pubblico, Michele Menicucci del Comune di Firenze della segreteria politica
> del Vice Sindaco Dario Nardella ed i vertici delle Ferrovie dello Stato: la
> proposta avanzata per combattere il degrado prodotto dalla povertà è stata

> la costituzione di un *COOPERATIVA di PORTABAGAGLI* composta dai cittadini

> di etnia ROM. Ad ogni binario un addetto, con tesserino e divisa

> riconoscibile, svolgerà un *servizio socialmente utile ai viaggiatori del
> Freccia Rossa e dei Treni Regionali*:  spesso anziani, donne, giovani sono

> in difficoltà con voluminose ed ingombranti valigie. Il servizio di
> facchinaggio garantirà a tutti i viaggiatori una accoglienza vera ed umana
> nella Città di Firenze, sopportando chi è in difficoltà per scendere i
> ripidi scalini che conducono alla Tramvia o accedere agli autobus. Un
> servizio di pubblica utilità. I poveri potranno cosi avere un lavoro, un
> reddito sicuro  ed uno stipendio con cui permettere di crescere nella
> dignità e nella sicurezza i propri figli e bambini.
>
>
>
> La proposta è stata sottoposta anche al Presidente del Consiglio Matteo
> Renzi ed al Sottosegretario di  Stato Graziano del Rio. Tutti i bambini e

> le loro famiglie hanno *DIRITTO ad essere ACCOLTI*. La disoccupazione si

> combatte con misure di politica economica in grado di produrre posti di
> lavoro. La demagogia ed il populismo sono figlie della corruzione e del
> razzismo. E’ ora di sconfiggere razzismo e corruzione. E’ ora del lavoro ed
> accoglienza per tutti.
>
>
>
> Ufficio Stampa e Comunicazione
>

> *ASSOCIAZIONE NAZIONE ROM*

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION