Italia

Sardegna: Confartigianato chiede a Pigliaru confronto su Patto Stabilità

 

 Confartigianato 1SPENDING REVIEW SARDEGNA 2014 – Confartigianato Sardegna scrive a Pigliaru per chiedere un confronto: “Urgente la revisione del Patto di Stabilità nazionale per ridare ossigeno a territori e imprese”.

Confartigianato Imprese Sardegna ha scritto oggi al Presidente della Regione, Francesco Pigliaru, alla luce della delibera della Giunta sul Patto di Stabilità interno del 2014.


Prendiamo atto dell’importante lavoro fatto in queste settimane sfociato nella delibera presentata pochi giorni fa – scrive Luca Murgianu, Presidente di Confartigianato Imprese Sardegna che riprende i ragionamenti e le proposte che la nostra Associazione puntualmente presentava ad ogni Bilancio nella passata Legislatura”. “Ben tre anni fa anticipammo che, senza provvedimenti strutturali importanti – sottolinea Murgianula Regione sarebbe andata incontro al problema dei pagamenti ai dipendenti ma soprattutto non ci sarebbero stati i fondi per lo sviluppo”.


Per questo sottolineiamo come siano necessari e urgenti la revisione del Patto di Stabilità nazionale, una riorganizzazione interna della Struttura regionale e l’ottimizzazione delle risorse esistenti – precisa il Presidente di Confartigianato nella missiva – sia per incalzare il Governo Nazionale con proposte concrete, ma soprattutto per ridare ossigeno e sviluppare una vera programmazione”.

Alla luce di quando scritto nella delibera, Confartigianato Sardegna ha infine chiesto un confronto con il Presidente della Regione per ragionare sui passaggi futuri e, soprattutto, per presentare e proporre una serie di provvedimenti a costo zero da mettere subito in campo.


Hamlet

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close