Italia

Fima: rilanciare il Mezzogiorno è necessario

campagnaI dati statistici forniti dall’ Istat mostrano chiaramente come l’ agricoltura sia l’ unica attività economica nel Sud che offre maggiori garanzie e potenzialità, nonostante le criticità irrisolte. Lo dichiara Saverio De Bonis, coordinatore Fima, federazione italiana movimenti agricoli.

La struttura delle aziende agricole – prosegue – è caratterizzata da una forte presenza di unità di piccole dimensioni: l’83,0% delle aziende impiega meno di un’unità di lavoro e l’89,5% realizza un fatturato inferiore a 50 mila euro. Tantissime aziende, però, hanno cessato la loro attività per effetto della crisi e del credit crunch e molte di queste sono all’ asta, sottolinea la federazione.


Anche se il Pil nel mezzogiorno è sceso del 4%, più del doppio rispetto alla media nazionale (-1,9%) – continua la Fima – disaggregando i comparti economici si registrano dati negativi sia per l’industria che per i servizi, con cadute del valore aggiunto rispettivamente dell’8,3% e del 3,1%. L’ agricoltura, al contrario – sottolinea il coordinatore – essendo un settore anticiclico e nonostante i dati strutturali e congiunturali, tiene segnando un calo moderato, pari allo 0,3%.

Il governo, quindi – conclude – deve continuare a credere nel potenziale del nostro Made in Italy e dell’agroalimentare se vuole perseguire obiettivi di crescita del Paese ed in particolare del Mezzogiorno. Per farlo, tuttavia, deve prima comprendere che la funzione dell’ agricoltore è sacra e poi dimostrare una politica a tutela delle nostre produzioni e dei prezzi, introducendo anche meccanismi trasparenti nella formazione dei prezzi all’ origine che garantiscano i costi di produzione.

Hamlet

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close