Italia

Fiumicino Massacra di botte la compagna che si rifiuta di comprare droga

violenzaDramma di pura follia a Fiumicino, dove un giovane ecuadoregno di 23 anni ha sequestrato in casa e massacrato di botte per ore la sua convivente perchè si era rifiutata di accompagnarlo a comprare la droga.

E’ avvenuto nella notte scorsa, intorno alle 2.00.

Il giovane, consumatore abituale di sostanze stupefacenti, rientrato a casa, nel monolocale di via Flaminia, vicino a piazza del Popolo, ha chiesto dei soldi alla sua convivente per andare a comprare della droga. La ragazza pur acconsentendo, si è rifiutata di accompagnarlo dagli spacciatori. Così lui l’ha aggredita a calci e pugni e colpendola con un attizzatoio, spezzandole un polso e alcune dita della mano. La furia si è protratta per oltre 3 ore, sin quando il ragazzo se ne è andato abbandonandola. La giovane colombiana ha chiesto aiuto a un’amica, che l’ha portata al policlinico Umberto I, dove i medici hanno formulato una prognosi di 40 giorni.

Dopo la denuncia dei fatti gli agenti di polizia hanno rintracciato ed arrestato il giovane.


Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close