EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

L’affittuario può recedere dal contratto di locazione se il cane del vicino è troppo rumoroso

avv. Eugenio Gargiulo

avv. Eugenio Gargiulo

Tra i motivi per i quali il conduttore può recedere anticipatamente dal contratto d’affitto, va annoverato  anche il disturbo alla quiete domestica.

Un disturbo correlato a qualsiasi rumore che superi la cosiddetta “normale tollerabilità”, come potrebbe essere il continuo abbaiare del cane del vicino.

A stabilirlo è una recentissima sentenza della Cassazione (la n. 12291 del 30 maggio 2014) secondo cui: “Sono idonee ad integrare i gravi motivi legittimanti il recesso del conduttoredal contratto di locazione le molestie di fatto arrecate da terzi, quale, nella specie, ilcontinuo abbaiare di un cane, causa di disturbo alla quiete ed al riposo notturno lesivo per la salute”.


Nel caso preso in esame dai giudici di piazza Cavour un’inquilina, disturbata dal continuo abbaiare di un cane che si trovava nel piano sovrastante, aveva fatto valere il suo diritto al recesso anticipato dal contratto di locazione(ex articolo 4, legge 392/78) appellandosi alla sussistenza dei gravi motivi.

La Corte ha condiviso la decisione dei giudici di merito secondo cui, quando ci sono molestie da parte di terzi, il conduttore,pur avendo facoltà di agire personalmente contro il terzo, può tuttaviaricorrere ad altri strumenti di tutelagiuridica non potendosi pretendere che resti nella detenzione del bene.

Foggia, 4 giugno 2014                                                            Avv. Eugenio Gargiulo

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com