EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Rapporto di annegamento alla Cianchetta 3 Ottobre 1856

Comune di Rocchetta

Comune di Rocchetta

N. 10 – Rapporto di annegamento alla Cianchetta. 3 Ottobre 1856

Nella sera del 1° anzidetto ad un ora di notte, due carrettieri reduci da Acqui carichi d’uva e riso, dei quali un certo Ramorino di Ponte d’Assio e l’altro garzone certo Matteo Gandolfo negoziante da olio in detto luogo, nel traversare il ritano denominato “della Pedanchetta” [la Cianchetta, NdR] a poca distanza da quest’abitato, quale era molto gonfio a causa della dirotta pioggia caduta da due giorni, trovandosi il garzone il primo a passare, il Ramorino attaccò due muli di rinforzo al carro del garzone medesimo, salendo sopra il primo ma la straordinaria forza delle acque fe sì, che nel traversarlo si staccò la ruota dalla cassa del carro ed essendo riuscito impossibile di tirarlo più fuori, il Ramorino saltò giù dal cavallo, a nuoto uscì dalle acque e si salvò, ma le onde coprendo i cavalli ed impadronendosi del servo, lo trascinarono per la corrente rovesciando carri e cavalli senza essersi più potuto trarre a salvamento cosa alcuna.

Ieri mattina, a diligenza del sottoscritto, si verificò ogni cosa e si trovò il cadavere del garzone alla distanza di 300 metri circa dal luogo ove succedette la catastrofe, quattro cavalli pure morti ed attaccati ancora al carro, mentre il 5° cavallo si trovò ancora vivo attaccato per la briglia ad una pianta.

I generi portati dal carro sommerso erano 3 botti di uva, 6 sacchi e mezzo di riso, ed alcuni involti di sacchi di pelle Comune di Rocchetta  (238)da olio, che furono risparmiati dalle acque e che il sottoscritto si fece premura di far ritirare e porre in sicuro luogo assieme al carro ed ai fornimenti.

Si trovò pure che il cadavere aveva indosso 3 doppie di Savoia, 1 marenco, 2 [da] venti, una pezza da soldi 2, 4 pezze da centesimi 40, ed una da cent. 20, che dall’autorità giudiziaria qui recatasi coll’Arma dei Reali Carabinieri di Cairo, previo processo, venne assieme al resto ritirato.

 

Dall’Archivio Storico del Comune di Cairo.

Documento consultato il 6 dicembre 2011 e trascritto da Bruno Chiarlone Debenedetti.


About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com