EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Sardegna: altri no alle Pale Eoliche.

pale eolicheSardegna, energie rinnovabili sì, energie rinnovabili no. Un leitmotiv che da qualche tempo scuote varie comunità locali. In Sardegna le pale eoliche non sono gradite. Un nuovo no alle pale eoliche arriva in Parlamento. Questa volta a non volere le pale eoliche sono lecomunita’ locali del Sarcidano , non piacciono i progetti presentati nei a comuni di Nurri, Laconi, Nurallao, Isili, Genoni e Nuragus, fra le province di Cagliari e Oristano.

Il deputato Mauro Pili (Unidos-Misto) ha presentato un’interrogazione urgente al ministro dell’Ambiente, Gianluca Galletti per denunciare e bloccare quello che definisce uno “scempio” ambientale. Il parlamentare raccoglie, in particolare la segnalazione dei consiglieri comunali di Laconi Salvatore Argiolas e Massimo Meleddu che si oppongono, in particolare, alla costruzione di elettrodotti cui hanno manifestato contrarieta’ anche il deputato sardo di Sel, Michele Piras, e il vicepresidente del Consiglio regionale Eugenio Lai. “In questo progetto scellerato e’ prevista la costruzione di due linee elettriche parallele per una lunghezza di oltre 10 chilometri, con tralicci affiancati alti circa 40 metri, oltre il doppio del campanile della chiesa di Laconi, e cavi che possono giungere a circa 10 metri d’altezza”, sottolinea Pili.
  “Il tracciato passera’ a soli 40 metri di distanza dalle case piu’ vicine e sara’ realizzato su strade e terreni dove gli agricoltori lavorano o dove viene gestito e curato lo straordinario patrimonio boschivo”. Secondo quanto riferisce il deputato, il progetto, riconducibile alla societa’ Ensar srl, prevede l’installazione di 18 aerogeneratori da 3 MW nel territorio di Nurri e di due elettrodotti ad alta tensione nei comuni di Laconi, Nurallao, Isili, Genoni, Nuragus tra le due nuove stazioni elettriche situate a Isili e Laconi. “E’ un progetto d’impatto devastante”, denuncia Pili nell’interrogazione al ministro dell’Ambiente. “La potenza totale installata e’ sara’ di 54MW, la produzione attesa di circa 103 GWh/A”.
  Secondo quanto riferiscono i due esponenti di Sel, Piras e Lai, la doppia linea elettrica ad alta tensione da 150mila volt, “oltre a deturpare il paesaggio, rischia di causare ulteriore inquinamento elettromagnetico e possibili danni alla salute delle popolazioni locali”. “Riteniamo necessaria una presa di posizione ferma della Giunta regionale”, insistono deputato e consigliere regionale, che sollecitano la sospensione di tutti i progetti privati in materia di rinnovabili fino all’approvazione del nuovo piano energetico regionale, come previsto in una proposta di legge di recente presentata dal gruppo Sardegna Vera in Consiglio regionale. “La produzione incontrollata di energia elettrica va fermata”, sostengono Piras e Lai, “particolarmente in una terra che gia’ produce energia oltre il fabbisogno locale, a maggior ragione se essa non prevede alcun beneficio per i consumatori e le imprese operanti in Sardegna. (AGI)

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com