EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Cagliari la seconda edizione del festival SULLE STRADE DEL BLUES, 1-3 agosto 2014

foto PAOLO DEMONTIS EASYHARP1, 2, 3 agosto 2014, Il Lazzaretto, via dei Navigatori, Cagliari

​​Da domani via alla seconda edizione ​del festival blues: decine di artisti in scena, diciassette progetti tra poesia e musica, due workshop musicali, esposizioni di pittura, fotografia, installazioni multimediali.
Domani​ i workshop musicali di chitarra e armonica;

​alle 18,30 l’inaugurazione delle tre mostre a corredo del festival;
​dalle 20,30 sul palco Jo’han’ Chànt’ney, Bob Forte e Sky Dog, Nicola Pisu Trio, Mr Wob & The Canes, Dirty Hands, Paolo “Easy Harp” Demontis​; ​ in contemporanea live painting di Stefano Obino

Torna per il secondo anno consecutivo “Sulle Strade del Blues”, festival dedicato alla musica blues con musica, arte, poesia e suggestioni visive.
I tre giorni del festival saranno ospitati nel primo fine settimana di agosto al centro comunale Il Lazzaretto, nel borgo di Sant’Elia a Cagliari, esattamente come la prima edizione del 2013 che aveva portato in scena il meglio della produzione blues isolana registrando oltre 1500 spettatori nelle tre serate. L’edizione numero 2 di “Sulle Strade del Blues” coinvolgerà band sarde insieme ad artisti in arrivo dalla penisola con spazio a rock, blues, country e folk nelle versioni più classiche o influenzate da suggestioni contemporanee, in elettrico o in acustico.

IL PROGRAMMA

Via al festival venerdì 1 agosto: ​d​​opo l’ina​u​gurazione delle mostre ideate​ appositamente​per il festival “Voodoo” di Stefano Obino e “Revelation” di A Mad Tea Party​,​la collettiva fotografica “Sulle strade del Blues”​, l’installazione multimediale “Body and sound in soul, dalla sofferenza all’estasi”​,​ ad aprire le danze del ricco calendario di musica e poesia sarà Jo’han’ Chànt’ney, scrittore e musicista che accompagnato da flauto e percussioni presenterà alcuni brani dal cd “Hataal – I’m Moving Grand Canyon Lands” ispirati alla musica tradizionale dei nativi americani dell’Arizona.
Secondo nome in programma il duo cagliaritano Bob Forte e Sky Dog che si richiama alla tradizione del country blues, a seguire le ballate folk del Nicola Pisu Trio da Serrenti; i Mr Wob & The Canes, musicisti veneti artefici di un blues classico che non dimentica le influenze africane, haitiane e misteriose del genere; i cagliaritani Dirty Hands, che presenteranno l’album omonimo con il loro rock blues sulla lezione degli anni ’60/’70. A chiudere la prima serata del festival sarà Paolo “Easy Harp” Demontis in arrivo da Torino con la sua armonica.


La seconda serata, sabato 2 agosto, vedrà in scena Hola La Poyana, progetto solista del cagliaritano Raffaele Badas per una performance eclettica tra folk, blues e country. A seguire il progetto per chitarra, armonica e voce di Silvio Canargiu e Paolo Demontis, il trio elettrico oristanese Sunsweet Blues Revenge, i Reverendi che da Torino ci portano la lezione di Sonny Terry e Brownie McGhee. In chiusura, la band Vittorio Pitzalis and The Blues Worshippers da oltre vent’anni sulla scena blues cagliaritana .

Domenica 3 agosto, terzo e ultimo giorno per “Sulle Strade del Blues”, apertura della serata con lo scrittore e poeta Gianni Mascia, i cagliaritani Folksroad con le loro ballad in italiano, e a seguire Anna Cardia e Franco Montalbano. Arriva da Alessandria l’eclettico blues di The Dude’s Company. Il sipario su questa seconda edizione del festival calerà con il live di Salvatore Amara & The Easy Blues Band with The Big Family of Soul che presenterà il recentissimo lavoro discografico “The Blues Catcher”: blues tradizionale del Mississip​pi fuso insieme a canti dei nativi d’America e canti tradizionali sardi per un progetto che ha coinvolto ben diciannove musicisti.

WORKSHOP
Spazio all’approfondimento con due workshop dedicati agli amanti del genere, professionisti o semplici appassionati: venerdì 1 e sabato 2 agosto, di mattina, si terrà il seminario avanzato intensivo di chitarra blues a cura di Salvatore Amara. Venerdì, sabato e domenica sempre di mattina spazio all’armonica con le lezioni di Paolo “EasyHarp” Demontis dedicate a musicisti principianti o professionisti. Entrambi i workshop sono su prenotazione e con quota di partecipazione.

MOSTRE E INSTALLAZIONI
Non solo musica e poesia: a far da cornice per “Sulle Strade del Blues” ci saranno mostre e installazioni visitabili nei giorni del festival e fino al 24 agosto.
“Voodoo” è il nome della personale di Stefano Obino, grafico e illustratore cagliaritano che presenterà le sue pitture su carta di riso ispirate ai riti ancestrali di New Orleans.
È dedicata al sogno americano la serie “Revelation”, scatti firmati da A mad Tea Party, nome d’arte di un fotografo cagliaritano: una visione di paesaggi desolanti, simbolo di un Occidente carico di illusioni e in realtà agonizzante sotto una miriade di luci e colori. Il testo di presentazione della mostra è di Giacomo Pisano.
“Body and sound in soul, dalla sofferenza all’estasi” è l’installazione audio-visiva prodotta dalle associazioni Carovana Smi e Spaziomusica: una ricerca sul tema della sofferenza umana che in alcune culture può essere motrice di arte ed espressione creativa.
​Fino al 24 agosto sarà allestita inoltre “Sulle Strade del Blues I edizione”, collettiva fotografica di Marco Floris, Gianfilippo Masserano, Patrizia Mura con gli scatti migliori realizzati nell’edizione 2013 del festival.

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com