EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Cagliari la seconda edizione del festival SULLE STRADE DEL BLUES, 1-3 agosto 2014

foto PAOLO DEMONTIS EASYHARP1, 2, 3 agosto 2014, Il Lazzaretto, via dei Navigatori, Cagliari

​​Da domani via alla seconda edizione ​del festival blues: decine di artisti in scena, diciassette progetti tra poesia e musica, due workshop musicali, esposizioni di pittura, fotografia, installazioni multimediali.
Domani​ i workshop musicali di chitarra e armonica;

​alle 18,30 l’inaugurazione delle tre mostre a corredo del festival;
​dalle 20,30 sul palco Jo’han’ Chànt’ney, Bob Forte e Sky Dog, Nicola Pisu Trio, Mr Wob & The Canes, Dirty Hands, Paolo “Easy Harp” Demontis​; ​ in contemporanea live painting di Stefano Obino

Torna per il secondo anno consecutivo “Sulle Strade del Blues”, festival dedicato alla musica blues con musica, arte, poesia e suggestioni visive.
I tre giorni del festival saranno ospitati nel primo fine settimana di agosto al centro comunale Il Lazzaretto, nel borgo di Sant’Elia a Cagliari, esattamente come la prima edizione del 2013 che aveva portato in scena il meglio della produzione blues isolana registrando oltre 1500 spettatori nelle tre serate. L’edizione numero 2 di “Sulle Strade del Blues” coinvolgerà band sarde insieme ad artisti in arrivo dalla penisola con spazio a rock, blues, country e folk nelle versioni più classiche o influenzate da suggestioni contemporanee, in elettrico o in acustico.

IL PROGRAMMA

Via al festival venerdì 1 agosto: ​d​​opo l’ina​u​gurazione delle mostre ideate​ appositamente​per il festival “Voodoo” di Stefano Obino e “Revelation” di A Mad Tea Party​,​la collettiva fotografica “Sulle strade del Blues”​, l’installazione multimediale “Body and sound in soul, dalla sofferenza all’estasi”​,​ ad aprire le danze del ricco calendario di musica e poesia sarà Jo’han’ Chànt’ney, scrittore e musicista che accompagnato da flauto e percussioni presenterà alcuni brani dal cd “Hataal – I’m Moving Grand Canyon Lands” ispirati alla musica tradizionale dei nativi americani dell’Arizona.
Secondo nome in programma il duo cagliaritano Bob Forte e Sky Dog che si richiama alla tradizione del country blues, a seguire le ballate folk del Nicola Pisu Trio da Serrenti; i Mr Wob & The Canes, musicisti veneti artefici di un blues classico che non dimentica le influenze africane, haitiane e misteriose del genere; i cagliaritani Dirty Hands, che presenteranno l’album omonimo con il loro rock blues sulla lezione degli anni ’60/’70. A chiudere la prima serata del festival sarà Paolo “Easy Harp” Demontis in arrivo da Torino con la sua armonica.


La seconda serata, sabato 2 agosto, vedrà in scena Hola La Poyana, progetto solista del cagliaritano Raffaele Badas per una performance eclettica tra folk, blues e country. A seguire il progetto per chitarra, armonica e voce di Silvio Canargiu e Paolo Demontis, il trio elettrico oristanese Sunsweet Blues Revenge, i Reverendi che da Torino ci portano la lezione di Sonny Terry e Brownie McGhee. In chiusura, la band Vittorio Pitzalis and The Blues Worshippers da oltre vent’anni sulla scena blues cagliaritana .

Domenica 3 agosto, terzo e ultimo giorno per “Sulle Strade del Blues”, apertura della serata con lo scrittore e poeta Gianni Mascia, i cagliaritani Folksroad con le loro ballad in italiano, e a seguire Anna Cardia e Franco Montalbano. Arriva da Alessandria l’eclettico blues di The Dude’s Company. Il sipario su questa seconda edizione del festival calerà con il live di Salvatore Amara & The Easy Blues Band with The Big Family of Soul che presenterà il recentissimo lavoro discografico “The Blues Catcher”: blues tradizionale del Mississip​pi fuso insieme a canti dei nativi d’America e canti tradizionali sardi per un progetto che ha coinvolto ben diciannove musicisti.

WORKSHOP
Spazio all’approfondimento con due workshop dedicati agli amanti del genere, professionisti o semplici appassionati: venerdì 1 e sabato 2 agosto, di mattina, si terrà il seminario avanzato intensivo di chitarra blues a cura di Salvatore Amara. Venerdì, sabato e domenica sempre di mattina spazio all’armonica con le lezioni di Paolo “EasyHarp” Demontis dedicate a musicisti principianti o professionisti. Entrambi i workshop sono su prenotazione e con quota di partecipazione.

MOSTRE E INSTALLAZIONI
Non solo musica e poesia: a far da cornice per “Sulle Strade del Blues” ci saranno mostre e installazioni visitabili nei giorni del festival e fino al 24 agosto.
“Voodoo” è il nome della personale di Stefano Obino, grafico e illustratore cagliaritano che presenterà le sue pitture su carta di riso ispirate ai riti ancestrali di New Orleans.
È dedicata al sogno americano la serie “Revelation”, scatti firmati da A mad Tea Party, nome d’arte di un fotografo cagliaritano: una visione di paesaggi desolanti, simbolo di un Occidente carico di illusioni e in realtà agonizzante sotto una miriade di luci e colori. Il testo di presentazione della mostra è di Giacomo Pisano.
“Body and sound in soul, dalla sofferenza all’estasi” è l’installazione audio-visiva prodotta dalle associazioni Carovana Smi e Spaziomusica: una ricerca sul tema della sofferenza umana che in alcune culture può essere motrice di arte ed espressione creativa.
​Fino al 24 agosto sarà allestita inoltre “Sulle Strade del Blues I edizione”, collettiva fotografica di Marco Floris, Gianfilippo Masserano, Patrizia Mura con gli scatti migliori realizzati nell’edizione 2013 del festival.

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION