Rubriche

Italia, povertà minorile: Save the Children, dati estremamente allarmanti: più di 1 minore su 7 è in povertà assoluta

Save the ChildrenE’ urgente un piano di contrasto alla povertà minorile

“I dati appena resi noti dall’Istat che indicano in oltre 1.434.000 – pari al 13,8% –  i minori in povertà assoluta sono estremamente allarmanti. Non solo infatti i bambini e adolescenti che non hanno neanche il minimo per una vita accettabile sono aumentati ma sono i più colpiti dall’impoverimento più acuto, con un’incidenza superiore a quella della popolazione adulta: ormai più di 1 bambino su 7 vive in povertà estrema.

Avere dei figli è diventato inoltre un fattore di rischio povertà tanto che l’aumento della povertà assoluta nelle famiglie si registra soprattutto in quelle con figli, in particolare se piccoli”,  dichiara Raffaela Milano Direttore Programmi Italia-Europa Save the Children Italia, l’Organizzazione dedicata dal 1919 a salvare la vita dei bambini e difendere i loro diritti.

“Due mesi fa con la Campagna Illuminiamo il Futuro Save the Children aveva riportato con forza all’attenzione di tutti la grave condizione in cui vivono sempre più minori, in particolare nel Sud Italia. L’allarme dell’Istat conferma la gravità della situazione e la necessità di un piano specifico e articolato di contrasto alla povertà minorile, che preveda al suo interno alcune misure prioritarie come l’estensione  della carta d’inclusione sociale per l’acquisto di beni essenziali (la cosiddetta social card, ndr) a tutto il territorio nazionale, semplificandone e razionalizzandone i criteri di accesso”, prosegue Raffaela Milano.

“E’ poi necessario intervenire sulla povertà educativa che in genere si accompagna alla povertà economica in un rapporto di reciproca interdipendenza e che affligge sempre più bambini e adolescenti, deprivati di adeguate opportunità educative e formative e della possibilità di sviluppare i propri talenti e le proprie competenze. Per contrastare la crescente povertà educativa”, spiega il Direttore dei Programmi Italia Europa di Save the Children,  “è necessario un piano d’investimento a favore dell’istruzione pubblica, per tenere aperte le scuole con attività educative anche il pomeriggio e per garantire, senza ulteriori costi per le famiglie, l’insegnamento delle materie curricolari e i servizi di trasporto e mensa gratuiti per le famiglie più in difficoltà”.
Infine è necessario  che le spese dedicate all’infanzia siano considerate un investimento sul capitale umano. Save the Children propone una golden rule, cioè criteri di scomputo dal calcolo dell’indebitamento delle principali voci relative all’infanzia e alla scuola.


Tag

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Check Also
Close
Back to top button
Close