EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Scoperto un nuovo virus che vive nell’intestino della metà della popolazione.

ospedaleQuesto virus ospitato dalla metà della popolazione mondiale è stato scoperto per caso. Sono possibili implicazioni di obesità e diabete. I nostri intestini sono casa per 3.000 miliardi di virus e circa 100.000 miliardi di batteri.

Il microbiota umano (microbica) non smette mai di stupire i ricercatori a cui sono interessati e regolarmente, la scienza ci dà nuove scoperte come batteri, virus e funghi che ospitiamo. In effetti, viviamo e non cenaniamo da soli, ma accompagnati da trilioni di amici (si stima che ogni individuo ospita più di 100.000 miliardi di batteri e virus).


La nostra evoluzione è ancora in parte il risultato di coevoluzione con i virus. Ad oggi, sono note circa 500 specie di batteri intestinali e 800 virus. La scoperta di un nuovo virus è quindi ora più rara, ma i ricercatori della State University di San Diego rimasti molto sorpresi da essa. CrAssphage è il nome di questa affascinante creatura, risulta essere uno dei più comuni dell’umanità, dal momento che oltre il 50% delle persone nel mondo ospita il virus. Sarebbe anche probabilmente antica quanto l’umanità. Secondo il lavoro il virus infetta uno dei più comuni tipi di batteri dell’intestino, i Bacteroidetes. Un tipo di batteri che si ritiene sia strettamente connesso con obesità, diabete e altre malattie collegate all’intestino. A descrivere la scoperta è il team di Robert E. Edwards, un bioinformatico dell’ateneo Usa, che spiega come il gruppo si sia imbattuto nel nuovo virus quasi per caso. I ricercatori lavoravano con una ricercatrice in vista, Bas Dutilh (ora alla Radboud University, in Olanda), e stavano usando i risultati di precedenti studi sui virus intestinali per cercare nuovi microrganismi. Così, nei campioni di Dna fecale di 12 individui, gli scienziati hanno notato un cluster particolare di Dna virale, lungo circa 97 mila coppie di basi, comune a tutti i campioni. Quando il team ha confrontato l’elemento scoperto con quelli presenti in una banca dati dei virus noti, ha scoperto che non c’erano risultati. Poi il team ha consultato il database del National Insitute of Health’s Human Microbiome Project, e quello dell’Argonne National Laboratory, cercando tracce del virus misterioso nei campioni di feci umane lì conservati. Ebbene, il microrganismo era presente in abbondanza. Dopo aver condotto altre ricerche, il team ha dimostrato che il virus non esiste solo nei campioni in laboratorio, ma anche in natura, come spiega il virologo John Mokili. Si tratta, in effetti, di un virus presente in circa la metà del campione esaminato, e di cui nessuno sapeva nulla. Alcune delle proteine del Dna di crAssphage sono simili a quelle di altri virus ben noti, cosa che ha permesso al team di attribuirlo alla famiglia dei batteriofagi, che infettano – e si replicano – all’interno dei batteri. In particolare, grazie a tecniche innovative, il team ha collegato il nuovo virus ai Bacteroidetes, che vivono alla fine del tratto intestinale e sono sospettati di giocare un ruolo importante nell’obesità. Proprio il ruolo del virus misterioso sarà al centro delle ricerche future del gruppo. Anche se il microrganismo si è rivelato finora piuttosto sfuggente. “Sappiamo che c’è, ma non riusciamo ancora a catturalo bene”, conclude Edwards, che sospetta un ruolo importante del patogeno nell’obesità.Per Giovanni D’Agata, presidente e fondatore dello “Sportello dei Diritti” nessuna paura per il momento, poiché la maggior parte dei virus non infettano gli esseri umani. Solo una dozzina sono in grado. I virus hanno un ruolo importante, invece di regolamentare le specie batteriche nel nostro universo. La maggior parte sono batteriofagi o fagi che controllano il comportamento dei batteri che infettano e potrebbe diventare uno strumento terapeutico contro l’epidemia di malattie croniche come l’obesità o il diabete. L’uso di batteriofagi per trattare i virus (terapia dei fagi) non è nuova. È stata sviluppata per il trattamento di alcune malattie infettive di origine batterica, ma è stata abbandonata con l’avvento degli antibiotici. Di fronte alla crescente resistenza agli antibiotici e le infezioni nosocomiali, la terapia dei fagi è rivista in questi ultimi anni in tutto il mondo.

Lecce, 28 luglio 2014

Giovanni D’AGATA

About the author

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com