Economia

Cotti (M5S) “Bene appello Emergency su divieto utilizzo poligoni sardi da aviazione militare israeliana”

m5s1Emergency: “Il governo italiano sospenda immediatamente le prossime esercitazioni dei caccia israeliani nei cieli di Sardegna e la fornitura di sistemi militari”

COTTI (M5S): ” Soddisfazione per l’appello di Emergency, ripresi interamente i contenuti della mia interrogazione parlamentare. Ora il governo risponda con fatti concreti”

 

Roma, 5 agosto 2014 –  “L’Italia, all’interno dell’Unione Europea, è il principale fornitore di sistemi militari a Israele. Chiediamo che il nostro Stato, la nostra Repubblica che ripudia la guerra, non sia complice di questa delirante spirale di violenza. Chiediamo che il governo italiano sospenda immediatamente l’accordo di cooperazione militare con Israele, le prossime esercitazioni dei caccia israeliani nei cieli di Sardegna e la fornitura di sistemi militari, nel rispetto della legge italiana (la legge 185/90 vieta di vendere armi a Paesi in conflitto o responsabili di gravi violazioni dei diritti umani) e dell’articolo 11 della nostra Costituzione che ripudia la guerra. Ci uniamo a tante voci, italiane e internazionali, nel chiedere che l’Italia, nel semestre di presidenza dell’Unione Europea, si faccia promotrice di un vero percorso di pace, con gli strumenti della diplomazia e dei diritti. Impedire l’utilizzo dei poligoni militari italiani per l’addestramento delle forze armate israeliane, sospendendo  ogni forma di vendita d’armi allo stato di Israele per un congruo numero di anni dalla cessazione di qualsiasi attività bellica, a Gaza o altrove”.  Con questo auspicio (http://goo.gl/Xpdwsj) anche Emergency  (associazione umanitaria  fondata da Gino Strada)  scende in campo per chiedere non solo la sospensione di forniture di sistemi d’arma allo stato di Israele, ma soprattutto il divieto di utilizzare i poligoni militari della Sardegna da parte dell’Iaf (Israel Air Force), come previsto dal “Programma per il secondo semestre 2014” delle esercitazioni militari, stilato dal ministero della Difesa.

Grande soddisfazione per l’appello di Emergency è stata espressa dal senatore sardo del M5S, Roberto Cotti. “Emergency – ha detto Cotti – riprende interamente i contenuti dell’interrogazione parlamentare che ho presentato per primo sul finire del mese scorso (http://goo.gl/mij5bd –  http://goo.gl/2oRtmh), ora il governo risponda con fatti concreti: subito embargo vendita armi e divieto di utilizzo poligoni militari per addestramento forze militari israeliane”.

Per Cotti “occorre dare seguito all’articolo 11 della nostra Costituzione e ai trattati internazionali, anche per rispetto delle oltre 1800 vittime civili prodotte finora dal conflitto in atto sulla Striscia di Gaza, da cui bisogna ripartire per revisionare i programmi militari che contemplino, seppur indirettamente, il coinvolgimento del nostro Paese nell’addestramento di forze militari straniere belligeranti”.


Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close