EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Elemosina e Mendicanti. Associazione Nazione Rom

manifestazione antirazzista firenze 21 marzo 2014 donne rom contro il razzismoElemosina e Mendicanti
Associazione Nazione Rom insieme agli ultimi ed agli esseri umani
La vergognosa campagna razzista anti Rom ed anti Poveri iniziata a Catania da un esercente commerciale della Deco’ – Gruppo Amadori si estesa al Nord Italia e sta alimentando i peggiori egoismi, violenze e crociate anti umane soprattutto in Veneto, in Emilia Romagna ed in Toscana. Demagogia, Populismo ed Affari Economici si nascondono dietro a chi alimenta false informazioni su presunti racket dell’elemosina chiudendo gli occhi sui veri racket della criminalita’ organizzata e sulla corruzione dilagante nella Pubbliche Amministrazioni: nel mentre mafia, camorra ed indrangheta fanno affari d’oro nel Nord Italia.
Una campagna alimentata da singoli cittadini, partiti politici tra cui Lega Nord e Partito Democratico, sostenuti da settori della Chiesa Cattolica e da organizzazioni dei Commercianti. Una campagna traseversale che spacca le citta’ e le coscienze rimandando ad interrogativi di fondo sull’essenza stessa degli uomini e delle donne. A Venezia, da lunedi 1 settembre 2014 Confesercenti invita i propri associati a mettere cartelli davanti ai propri negozi con la scritta: “non elemosinare i mendicanti ma date i soldi alla Caritas“.
Una campagna contro Rom, Poveri e Questuanti iniziata il 20 febbraio 2014 nella Stazione di Santa Maria Novella dal Sindaco Dario Nardella fidato amico del Premier Matteo Renzi non appena questi aveva ricevuto mandato per la formazione del nuovo Governo dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Una campagna chiamata “vivibilita’ e decoro“. Obiettivo dichiarato impedire l’accesso allo scalo ferroviario ai cittadini Rom perche’ rovinano l’immagine di Firenze e dell’Italia agli occhi dell’Europa e del Mondo. Una campagna che chiude consapevolmente gli occhi sui veri racket della criminalita’ organizzata italiana, sui recenti scandali della corruzione a Venezia e la diga del Mose’, sulla presenza conclamata e strutturale della Indrangheta in Lombardia, sulla presenza conclamata e gli scandali della Camorra nella citta’ di Firenze, agli Uffizzi e negli scavi della Tav.
Il Vescovo di Ferrara Luigi Negri afferma un “no alle elemosina a tutti i costi” sostenuto da alcuni parroci come Don Gianni Antoniazzi di Carpenedo/Mestre (Ve) che invita a “non offrire denaro ai poveri perche’ diseducativo“. Per loro, dietro ai poveri mendicanti, esiste una ramificatissima organizzazione criminale che prende tutti i denari, denari che invece devono essere “donati”, con il consenso delle Istituzioni Nazionali e Locali alla Chiesa Cattolica ed alla Caritas seguendo una “linea di comportamento” valida per tutti i cittadini e negozianti. Ovvero creare un gigantesco business delle elemosina gestito dai preti spezzando ogni legale umano e diretto tra chi chiede una moneta e chi generosamente la offre.
Una ossessiva campagna anti umana che nega le scritture di Antico e Nuovo Testamento: “Amerai il prossimo tuo come te stesso” (Mt 22,37-40). Secondo la Bibbia l’elemosia e’ gesto di bonta’ dell’uomo  per suo fratello, un segno di amore verso i poveri. Tobia diceva: “non voltare mai la faccia al povero e Dio non la voltera’ a te.. Se hai molto dai di piu’, se hai poco da di meno, ma non esitare a fare le elemosina“. (4,7-11-15). Gesu’ raccomandava di fare le elemosina come uno dei pilastri della vita religiosa. L’elemosina e’ un fatto che tocca alle radici della vita dell’uomo perche’ e’ accettazione del modo di vivere di Cristo. 
Parole e principi che il Sindaco di Padova Massimo Bitonci non ha mai ascoltato: e’ sua l’ordinanza contro i poveri con la quale chiede alla Polizia Municipale di cacciare i Poveri e sequestrare loro le elemosina offerte da altri cittadini. L’Italia ha perso dignita’ ed amore. Forse se il Vescovo di Ferrara, i responsabili di Confesercenti, i Preti anti Poveri, i negozianti anti Rom, i Sindaci razzisti provassero ad ascoltare l’umanita’ e la sua musica potrebbero ritrovare un po’ di amore dentro il cuore.
E se questo vuol dire rubare, questo filo di pane tra miseria e fortuna.. lo puo’ dire soltanto chi sa di raccogliere in bocca.. il punto di vista di Dio

 

About the author

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related

JOIN THE DISCUSSION