Società

Il lettore e-reader soppianterà il buon vecchio libro?

 

oristano libri in carcereQuella tra il libro cartaceo e le tecnologie dedicate alla lettura è una sfida sempre aperta, che accende gli animi e scatena dibattiti in cui spesso gli amanti della tradizione e i sostenitori degli e-reader si arroccano sulle proprie posizioni senza trovare nessun punto d’intensa, anzi.

Chi non sa rinunciare alla carta per le proprie letture apprezza la dimensione fisica del libro da sfogliare, persino l’odore particolare che sprigiona da fresco di stampa e da usurato, è abituato a scrivere sulle pagine note e appunti da rileggere nel tempo e gode alla vista di una bella libreria piena di volumi.

Perciò, solitamente il “tradizionalista” considera le innovazioni tecnologiche in questo campo una minaccia non soltanto all’oggetto-libro, ma alla lettura e alla cultura stessa, ritiene l’e-reader freddo e il display un pericolo per la vista e teme di perdere la propria collezione di titoli per colpa di una semplice disattenzione, di un guasto o della fragilità dell’e-reader o del susseguirsi continuo di formati e modelli nuovi che spesso mandano “in pensione” i precedenti.

Per contro, il sostenitore dell’e-reader apprezza la capacità di quest’oggetto dalle dimensioni e dal peso ridotti di contenere, trasportare e rendere fruibile un patrimonio di titoli degno di una biblioteca, è a proprio agio non soltanto con display sempre più riposanti, ma anche con pagine e caratteri da ingrandire o rimpicciolire a piacimento, ed è contento di potere disporre rapidamente di tutti i testi che gli passano per la testa.

Chi la pensa così non rimpiange gli scaffali ricolmi di libri sempre più numerosi, da spolverare e riordinare periodicamente, e magari è anche sensibile alla tematica ecologica: meno libri significa meno carta.

Bisogna riconoscere che è ormai passato qualche anno dalla comparsa dei primi e-reader e che forse la realtà dei fatti supera lo schematismo delle opinioni e indica la strada per il futuro: libro tradizionale ed e-book possono convivere pacificamente a tutto vantaggio del lettore, che non rinuncia né al piacere di sfogliare le pagine, sottolinearle e appuntarle, né all’innegabile comodità dell’e-reader in alcune situazioni, come in viaggio, sui mezzi di trasporto o quando si ha poco spazio a disposizione.

E se, nonostante i rincari, un libro costa meno di un e-reader, la convenienza se non la gratuità di tanti e-book giustifica l’investimento iniziale: anzi, il formato elettronico può servire per “assaggiare” una novità in vista di un acquisto tradizionale, un po’ come succede per la musica in formato digitale e i dischi.

Leggere un bel libro e consigliarlo a un amico è possibile con qualsiasi supporto, quindi buona lettura!

 

Hamlet

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close