Scienze e Tecnologia

Nomofobia: fobia da smartphone

imagesNasce una nuova fobia : nomofobia ovvero no mobile phone fobia, panico da assenza di telefonino.  L’ansia da smartphone scarico, mancanza di campo e pochi euro sono tipiche di chi vive a stretto contatto con la tecnologia.

Un recente studio americano portato avanti da  David Greenfield, professore di psichiatria all’Univeristà del Connecticut, avrebbe dimostrato che ” l’attaccamento allo smartphone è simile a tutte le altre dipendenze, perché causa delle interferenze nella produzione della dopamina, il neurotrasmettirore che regola il circuito celebrale della ricompensa: in altre parole, incoraggia le persone a svolgere attività che credono gli daranno piacere.”

La dopamina sale ogni volta che lo smart riceve una notifica. 

Se non si riceve nessuna notifica allora chi soffre di nomofobia tenderà a guardare ripetutamente lo smart e sentirlo vibrare o squillare quando è in silenzio. 

Nicola Luigi Bragazzi e Giovanni Del Puente, studiosi dell’Università di Genova, hanno proposto che la nomofobia venga inserita nel «Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali», conosciuto dagli addetti ai lavori con la sigla Dsm, dal titolo dell’edizione statunitense e sostengono che “Come in ogni dipendenza, il primo sintomo è la negazione . Anche se la tecnologia ci consente di sbrigare il nostro lavoro più velocemente e con efficienza, i dispositivi mobili possono avere un effetto pericoloso sulla salute: dobbiamo indagare il fenomeno ancor più in profondità e studiarne gli aspetti psicologici”.

“Quella sensazione di “perdersi qualche cosa” se non si controlla costantemente, è del tutto illusoria – conclude Greenfield -. Quello che succede sullo schermo non ha nulla a che fare con la nostra vita”.

Voi siete nomofobici?

Noi per ora no!

Anche se di fobie come tutti ne abbiamo tante!!!

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close