EUCOOKIELAW_BANNER_TITLE

Sclerosi Multipla: dall’Australia uno studio su CCSVI e Chlamydophila pneumoniae

IUA-2014-Logo-CroppedDurante il XXVI congresso mondiale dell’Unione Internazionale di Angiologia (IUA), in corso a Sydney (Australia) è stato presentato l’abstract di uno studio australiano intitolato “Indagine su un protocollo combinato di antibiotici nel trattamento della Chlamydophila cronica pneumoniae e il suo effetto sul flusso sanguigno extracranico nei pazienti con SM e CCSVI“.

Secondo il dottor Paul Thibault, l’insufficienza venosa cronica cerebrospinale (CCSVI) è una condizione associata con la sclerosi multipla (SM) e si manifesta con stenosi ed ostruzioni nella circolazione venosa extracranica. Un meccanismo che è stato proposto per l’associazione tra SM e CCSVI è che le ostruzioni venose trovate nella SM siano dovute a una venulite cronica persistente causata dal parassita batterico intracellulare, Chlamydophila pneumoniae (CPN). L’obiettivo di questo studio è quello di determinare l’effetto di un protocollo combinato di antibiotici (PAC) sulla manifestazione delle ostruzioni venose viste nella SM come misurato da un esame ecodoppler quantitativo.

E’ stato condotto uno studio di coorte prima/dopo non-randomizzato per indagare le differenze dei volumi di flusso sanguigno prima e 6 mesi dopo il trattamento antibiotico per l’infezione Cpn. I dati del volume del flusso sono stati misurati mediante ecodoppler extracranico quantitativo (QECDU) attraverso i lati colpito e non colpito da più segmenti di vene, IJV J2, IJV J3 e vena vertebrale (VV) ed è stato anche misurato il flusso sanguigno arterioso globale. Il vantaggio di questo studio è che incorpora un soggetto interno di controllo (lato non-colpito) e uno tra i soggetti di controllo (nessuna infezione Cpn determinata dalla sierologia IgG e/o IgA). L’ecografista era accecato sullo stato di infezione Cpn in ogni paziente.

Sono stati inclusi nello studio che è ancora in corso un totale di 57 pazienti. 46 (80%) sono stati trovati con sierologia positiva alla Cpn. Nel complesso c’era una differenza nel volume del flusso segmentale dove J2 è superiore a J3 che è superiore VV. C’era una differenza statisticamente significativa dopo il trattamento vista per la parte interessata dei pazienti infetti da Cpn (differenza media = 47mls / min (95% CI:. 18, 76) (p = 0,0001). C’era un lievissimo aumento visto nel lato colpito dei pazienti non infetti (differenza media = 5 ml / min, 95% CI: 16, 26, p = 0,642) e non statisticamente significativo. La differenza di questi effetti era statisticamente significativa (p = 0,022). L’effetto più grande era nel segmento J3 (variazione media 73ml / min, p = 0,004) ed è stato osservato un effetto in direzione compatibile per la J2 e la VV, ma nessuno di questi era statisticamente significativo.

C’era un aumento statisticamente significativo nel post-trattamento del flusso medio arterioso globale per i pazienti infetti (differenza media = 87.7ml / min, 95% CI: 0.22, 175, p = 0,049) e una differenza di 46ml / min per i pazienti non-infetti che non era statisticamente significativa (p = 0,188).

È interessante notare che il volume medio venoso è diminuito nel lato sano su entrambi i pazienti infetti e non infetti.

Al termine dello studio, secondo l’autore, il PAC sembra migliorare la circolazione extracranica nei pazienti con diagnosi di SM come valutato dal QECDU. Questo effetto è statisticamente significativo nei pazienti con sierologia positiva Cpn. Questo studio supporta la teoria che l’infezione cronica con Cpn possa contribuire significativamente alla presenza di CCSVI nei pazienti con SM.

Fonte: http://www.facebook.com/groups/GermTheory/740452592681108/

About the author

Alessandro Rasman, 49 anni, triestino. Laureato in Scienze Politiche, indirizzo politico-economico presso l'Università di Trieste; è malato di sclerosi multipla, patologia gravemente invalidante, dal 2002. Per Mediterranews cura una speciale rubrica sulla sclerosi multipla.

Related

JOIN THE DISCUSSION

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com