Italia

Blocco Salariale. Coisp durissimo dopo dichiarazioni Ministro Alfano

Franco MaccariAlfano: “Ha fallito nonostante le ripetute rassicurazioni che ci ha fatto in questi  mesi. Non è riuscito neppure a far comprendere la nostra situazione, ora è inutile  che dica che le cose potrebbero naufragare per colpa nostra, minaccia anche lui?”  “Invece di peggiorare le cose acuendo il malcontento e la frustrazione per le ripetute e continue prese  in giro che subiamo, il Ministro Alfano farebbe meglio a riflettere, in silenzio, sul fallimento totale  che ha caratterizzato la sua gestione del gigantesco problema che affligge centinaia di migliaia  di Appartenenti ad un Comparto che, a causa della specificità del loro lavoro, subiscono un’ingiusta  e clamorosa penalizzazione rispetto a tutte le altre categorie di dipendenti pubblici”.
Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia, replica furioso  alle parole del Ministro dell’Interno, Angelino Alfano, riportate dalle agenzie di stampa a proposito  del blocco salariale e dell’annunciata protesta dei Comparti Sicurezza e Difesa. “Sono legittime le richieste  dei sindacati di Polizia” sullo sblocco dei tetti salariali, ha detto il Ministro, “ma i toni e modi usati ieri  sono stati eccessivi. Sono convinto comunque che ci sono le condizioni per affrontare con serenità  il problema e risolverlo”. “I protagonisti della sicurezza – ha spiegato Alfano – sono gli uomini e le donne  in divisa. A loro dico che la sicurezza è una priorità assoluta di questo governo e di questo ministero,  specie in un momento delicatissimo sul fronte interno ed internazionale. Stiamo lavorando non per
il rinnovo del contratto, che non è stato richiesto, ma per eliminare i blocchi salariali e speriamo che questo  sforzo non venga complicato dai toni eccessivi del comunicato di ieri”.
“Durante le riunioni che abbiamo avuto con il Ministro ed il suo entourage quest’anno, abbiamo affrontato  in maniera chiara ed approfondita la questione che si dibatte, e lui si è sempre dimostrato d’accordo  con le nostre istanze che sono fondate su motivazioni reali e concrete e non su stupida e opportunistica  demagogia. Alfano ci ha sempre rassicurato non solo del suo totale appoggio ma anche della certa
risoluzione di una situazione non più sopportabile, ma poi nei fatti non ha concluso assolutamente nulla.
Non solo – insiste Maccari -, in quanto non ha neppure rappresentato nella corretta maniera la situazione  ad un Governo che, lo si è capito dalle parole di ieri del Premier Renzi nonché del Ministro Madia, non ha centrato neppure minimamente il nocciolo della questione. E chi mai avrebbe dovuto spiegare e  chiarire quali sono le legittime e corrette istanze degli Appartenenti al Comparto se non il nostro Ministro?
La sensazione invece è purtroppo sempre la stessa, che ciascuno vada per proprio conto (si vedano  le schizofreniche dichiarazioni sul tema dei vari Ministri Pinotti, Alfano, Madia ecc.. negli ultimi mesi)  senza una gestione coerente, compatta, coordinata e unitaria di un Paese che, al momento, è uno solo,  compatto e unitario. Quanto alla neppure troppo velata minaccia che anche Alfano non ha esitato  a rivolgerci – conclude il Segretario Generale del Coisp -, come può veramente pensare che qualcuno  crederebbe mai che i problemi non sono stati risolti per colpa nostra? Noi rappresentiamo i nostri colleghi  con serietà ed onore, non abbiamo mai tradito i loro interessi e la loro fiducia, e ci siamo battuti per loro  anche a costo di rimetterci in tanti modi. I nostri toni non sono eccessivi, sono convinti e dimostrano
la nostra serietà, sono parole maturate dopo anni di maltrattamenti ingiusti e vergognosi, e non solo  chiacchiere sparate ogni qual volta c’è bisogno di riempire i titoli dei giornali e poi dimenticate  l’indomani”

Hamlet

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close