Italia

Caso Yara: Bosetti e il metro cubo di sabbia. Indagini su una fattura

Caso Yara: Bosetti e il metro cubo di sabbia. Indagini su una fattura Continuano le indagini sul caso Yara Gambirasio.  Massimo Giuseppe Bossetti  sarebbe stato da solo al campo di Chignolo d’Isola, dove venne poi ritrovata la piccola Yara. A provare il passaggio sarebbe una ricevuta, una fattura  rintracciata dai carabinieri del Ros analizzando la sua contabilità.

Secondo quanto si apprende Bosetti avrebbe affermato al PM di essere stato nei pressi a  portare della sabbia. Ci sarebbero però nuove incongruenze per questo che Bosetti è ancora in carcere.

Resta comunque il mistero del DNA anche perchè i RIS sostengono che «la logica prettamente scientifica non consente di diagnosticare in maniera inequivoca le tracce lasciate da Ignoto 1 sui vestiti da Yara». Però è anche vero che la traccia contiene sangue di Yara e che comunque il DNA è stato estrapolato con certezza. Durante gli interrogatori Bosetti, non avrebbe mai contestato la presenza di DNA sul leggins e corpo di Yara. Perchè? Ha solo chiarito di non essere stato lui a lasciarlo e di non sapere come mai si trovasse lì.

La fattura che osservano gli inquirenti sarebbe ci 1 metro cubo di sabbia. A cosa serviva?

Hamlet

"Amo ricercare, leggere, studiare ogni profilo dell'umanità, ogni avvenimento, perciò mi interesso di notizie e soprattutto come renderle ad un pubblico facilmente raggiungibile come quello della net. Mi piace interagire con gli altri e dare la possibilità ad ognuno di esprimere le proprie potenzialità e fare perchè no, nuove esperienze." Eleonora C.

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close