Società

Inaugurata a Milano la Doppia Personale di Franco e della Savani alla Societa’ Umanitaria

01_DWN_9Savona- Una nutrita delegazione savonese era presente ieri a Milano alla inaugurazione della doppia personale di Roberta Savani e Riccardo Franco. “ Si tratta- commenta il gallerista Daniele Decia di Calice Ligure- di una occasione per ammirare una bipersonale molto interessante il cui titolo Dialoghi è già di per sé assai esplicativo sull’obbiettivo che si prefiggono i due artisti”. La mostra, che è ospitata presso il Chiostro delle Memoria ed il Cortile dei Platani della Società Umanitaria in via San Barnaba,48, è stata curata dalla Fondazione D’Ars Oscar Signorini Onlus. “ Roberta Savani – ha scritto Grazia Chiesa da tanti anni encomiabile promoter della DARS- usa la matita come un rabdomante la sua bacchetta per ‘sentire’ l’acqua.
Così la matita, nella mano di questa giovane artista, diventa il mezzo per dare forma e vita, con la sua mina di grafite, a
immagini che, per la loro compostezza, equilibrio e originalità, invitano a momenti di meditazione e di ascolto del sè. Infatti
quello che viene creato per mezzo della matita, ha una componente insolita e che affascina: una presenza medianica che ci rimanda ai valori spirituali delle architetture sacre del medioevo. Esiste, nei lavori della Savani, un criterio di bellezza
interiore, espressa dai settori della simmetria dei segni nel cerchio e dalla mancanza del colore sostituito da varie
sfumature di grigio e di nero, e un criterio di bellezza esteriore”.


Ma anche per l’altro artista in esposizione la Chiesa ha avuto notevole riconoscimento tanto che ha voluto ricordarci che lo stesso Pierre Restany ne tesse gli elogi: “ Il lavoro di Riccardo Franco – ci ha detto infatti la Chiesa- è stato magistralmente descritto da Pierre Restany in un testo del 1995 in cui sottolineava che il rapporto dell’artista con l’albero è un rapporto di globalità o perlomeno ne presenta le caratteristiche mediate e
immediate: prima di tutto il piacere. La scelta, lo spaccato, la collocazione dei tronchi dimostrano non soltanto una cultura
specifica della natura vegetale, ma anzitutto un amore profondo per un operato e un’operatività gestuale che è espressione
stessa d’amore. L’alchimista Riccardo Franco sa leggere nelle venature del legno i fondamentali segreti che molti stregoni più comuni leggono nelle linee della mano: il destino. L’alchimista del legno è l’uomo del destino”. La bipersonale resterà aperta fino al 23 settembre con il seguente orario: tutti i giorni dalle ore 10 alle 20.

CLAUDIO ALMANZI

Related Articles

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close